...

l’artista indipendentemente dal tipo di pratica che esercita, porta l’arte dentro di se. Senigallia, “la città della fotografia” deve molto al grande Maestro. La mia storia e quella di tanti altri Senigalliesi nasce con Giacomelli grande e indimenticabile artista di cui ancora oggi poco si parla; dell’indimenticabile lezione che ci ha lasciato in fotografia. Giacomelli, memore di del suo Maestro, Giuseppe Cavalli non solo trascendeva la realtà ma si inventava universi sconosciuti, si spingeva nelle strade della poesia del fantastico, dell’immaginario, del ricordo e della memoria con estrema attenzione alla forma e al contenuto delle immagini.