x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

"Cittadini uniti per chiedere di mettere in sicurezza il territorio", flash mob sabato mattina

1' di lettura
3744

di Sara Santini
senigallia@vivere.it


In che situazione si trova il territorio dopo dieci anni? Abbiamo fatto il possibile per metterlo in sicurezza? Queste le domande alla base della manifestazione andata in scena sabato mattina e promossa dal Partito Democratico, Diritti al Futuro, Vola Senigallia, Vivi Senigallia.

“Lo scopo non è fare polemica - affermano gli organizzatori - ma sollecitare i vari livelli di governo, comunale, regionale e nazionale, a non sprecare, con interventi inutili, le tante risorse a disposizione, risvegliandosi da questo torpore che causa lentezza e confusione, i cui effetti negativi ricadono su Senigallia e su tutto il territorio. Ribadiamo la volontà di tutti quelli che aderiscono all’iniziativa di mettersi a disposizione delle comunità locali, per accelerare la realizzazione di queste opere. Il cantiere delle vasche di Brugnetto e Bettolelle, attualmente l’opera più importante, è praticamente fermo. Non possiamo più perdere tempo, occorre agire in fretta per evitare di trovarsi nuovamente impreparati”.

I manifestanti che hanno sfilato partendo dalla sponda dell’ex Ponte Garibaldi hanno esposto degli striscioni. “Città, territorio in sicurezza dal rischio idrogeologico SUBITO. Vasche di espansione, ponti, ristori al 100%”, si leggeva su uno, “Nuovi ponti senza distruggere storia, architetture, bellezza ed economia di Senigallia SUBITO”, su un altro.





Questo è un articolo pubblicato il 18-05-2024 alle 13:00 sul giornale del 20 maggio 2024 - 3744 letture






qrcode