x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

L'assessore Regine replica alla Bomprezzi: "Noi attenti alla mobilità e alla sicurezza dei pedoni, no a strumentalizzazioni"

3' di lettura
636

da Nicola Regine
Assessore ai Lavori Pubblici


Nicola Regine

La lotta politica deve avere dei limiti rappresentati da verità, competenza e documentazione, basati su valide argomentazioni. Invece, da qualche tempo a questa parte taluni Consiglieri Comunali formulano interrogazioni che trasmettono immediatamente agli organi di stampa già commentate, addirittura prima che il Consiglio Comunale sia terminato, quasi che il tutto sia stato accuratamente preparato prima, a prescindere dal tipo di risposta fornita in sede di interrogazione.

Proprio nell'ambito del Consiglio Comunale di giovedì, la consigliera Bomprezzi ha accusato l'Amministrazione Comunale ed in particolare l'Assessore Regine, di essere poco sensibile al tema della sicurezza dei pedoni e dei ciclisti per non aver partecipato ad un bando di finanziamento pubblico. Ciò nonostante l'Assessore abbia risposto che non vi erano le condizioni per partecipare al bando.A questo punto mi chiedo: si tratta di ignoranza? si tratta incompetenza? Si tratta di disinformazione? Per quanto conosco la consigliera Bonprezzi, non credo che sia ignorante, incompetente, o disinformata; sono convinto che si tratti esclusivamente di strumentalizzazione politica finalizzata ad alzare i toni dello scontro politico. Ma, pur riconoscendo legittima questa attività da parte dell'opposizione, ritengo che debba essere fatta nei limiti della verità, evitando le mistificazioni e le accuse ingiustificate. Nel merito della questione è da porre nella dovuta evidenza che il bando in argomento è un avviso nazionale emanato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che peraltro non è ancora scaduto (scadrà il 22 aprile), contrariamente a quello che ha dichiarato la consigliera Bomprezzi.

Tale bando è già stato attentamente valutato dal Comune che ha riscontrato, per quest'anno, la non sussistenza delle condizioni per poter partecipare, in quanto il bando medesimo è destinato prevalentemente a comuni e città metropolitane aventi una popolazione superiore a 100.000 abitanti. I comuni di popolazione inferiore possono partecipare solo se consorziati e dotati di un progetto tecnico già definito e possibilmente in stato avanzato. Trattandosi di un bando triennale, questa Amministrazione ha deciso di partecipare per l'anno 2025 (anno che prevede il doppio dei finanziamenti) allo scopo di disporre di tutta la documentazione necessaria per potersi aggiudicare il finanziamento di un nuovo tratto di ciclovia.

Per coloro che volessero direttamente verificare le condizioni previste dal bando in questione, è sufficiente rintracciare il Decreto Interministeriale n. 254 del 06.10.2023.
In ogni caso, è da tenere nella dovuta evidenza che fino ad oggi il Comune di Senigallia si è aggiudicato tutti i bandi a cui ha partecipato andando a quintuplicare gli investimenti medi inseriti nei bilanci delle passate Amministrazioni. Ciò non solo per merito dei fondi PNRR, ma soprattutto per merito di molti funzionari pubblici che in molte occasioni hanno rinunciato al loro tempo libero per la preparazione delle necessarie pratiche. Far lavorare inutilmente gli uffici per partecipare a bandi senza avere alcuna speranza di assegnazione non rientra nelle strategie di buona gestione della cosa pubblica.



Nicola Regine

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2024 alle 11:12 sul giornale del 20 aprile 2024 - 636 letture






qrcode