x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

SIDIA: nasce a Senigallia la nuova Società Scientifica

3' di lettura
598

dalla Società Scientifica SIDIA


Sabato 17 febbraio 2024 a Senigallia è stata costituita una nuova Società Scientifica: SIDIA. Perché questa notizia, così settoriale e per gli addetti ai lavori, merita di essere portata a conoscenza di tutti? Sicuramente si tratta di un valore aggiunto per la città di Senigallia e di un motivo di orgoglio per l’intera Regione Marche, ma la ragione più importante va ricercata nell’argomento scientifico che la “Società Italiana Dermoscopia ad Alto Ingrandimento (ecco il significato dell’acronimo SIDIA) si prefigge di approfondire e divulgare.

L’organo più grande che ciascun essere umano possiede è proprio la pelle che, oltre a proteggerci dall’ambiente esterno, ha numerose altre funzioni utili alla nostra esistenza. Purtroppo, come ogni altro organo del nostro corpo, può andare incontro a patologie a volte anche gravi quali il melanoma. Il dermatologo, lo specialista che si occupa delle patologie cutanee, ha come strumento principale di diagnosi il proprio “occhio” che, grazie allo studio della clinica e ad anni di esperienza sul campo, gli permette di valutare le lesioni cutanee che osserva. Negli anni la tecnologia ha messo a disposizione strumenti sempre più sofisticati per aiutare “l’occhio del dermatologo” a vedere di più e meglio. La “Dermoscopia ad Alto Ingrandimento” è una delle tecnologie più innovative che permette di osservare il tessuto cutaneo in tempo reale, mantenendo la ricchezza cromatica della pelle e con un livello di dettaglio in grado persino di mostrare il movimento dei globuli rossi che irrorano i capillari della cute.

Ovviamente l’altissimo livello di dettaglio non ha significato se lo specialista non è in grado di interpretare le informazioni raccolte dallo strumento e utilizzarle al meglio per supportare il percorso diagnostico. La ‘mission’ di SIDIA è esattamente quella di fare crescere, approfondire e diffondere la conoscenza di questa tecnologia e del suo utilizzo nella pratica clinica attraverso seminari, workshops, studi multicentrici e occasioni di confronto interdisciplinari fra dermatologi e anatomopatologi (gli specialisti che si occupano dell’esame istologico dei tessuti). Il dottor Renato Rossi, dermatologo molto noto a Senigallia e non solo, ha iniziato più di sette anni fa lo studio di queste tecniche di osservazione della cute producendo numerosi lavori scientifici e linee guida. SIDIA è quindi il naturale coronamento di una attività oramai consolidata e condivisa: il dottor Rossi non poteva esimersi dall’accettare la carica di Presidente della Società.

Alla costituzione erano anche presenti i dermatologi dott.ssa Simona De Blasio, dott. Augusto Galeazzi, dott. Gabriele Ceccarelli, dott. Stefano Titli e l’anatomopatologo dott.ssa Donatella Brancorsini; la partecipazioen di un anatomopatologo è segnale chiaro della multidisciplinarietà alla base di SIDIA. L’atto formale di costituzione si è svolto presso il Notaio Antonella Cozza in un clima cordiale, di grande soddisfazione e di coinvolgimento da parte di tutti. Ovviamente molti altri nomi illustri di dermatologi e patologi, che operano su tutto il territorio nazionale, sono annoverati tra i “Soci Fondatori” di SIDIA. A dimostrazione del fatto che SIDIA oltre a rappresentare un momento di unione tra professionisti che vogliono far crescere e diffondere la disciplina della Dermoscopia ad Alto Ingrandimento è anche l’espressione della volontà di condividere esperienze a tutto tondo, sia professionali che umane, il “Gruppo Costituente” si è trasferito per un aperitivo presso un locale del centro di Senigallia.

In una cornice di convivialità e soddisfazione per la nuova esperienza appena iniziata, degustando ottimo cibo, i presenti hanno tracciato le linee guida delle prossime attività. Il primo corso di Dermoscopia ad Alto Ingrandimento prenderà il via subito dopo l’estate. L’occasione conviviale ha anche dato la possibilità a tutti i presenti di ringraziare il dottor Renato Rossi per la sua dedizione a questo progetto. I più attenti hanno notato un momento di sincera commozione negli occhi di Renato al momento del brindisi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2024 alle 11:33 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 598 letture






qrcode