contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CULTURA
comunicato stampa

"Pane e politica": sala consiliare gremita per la presentazione del libro di Matteo Ricci

2' di lettura
1000

da Maurizio Mangialardi
Capogruppo regionale PD - Assemblea Legislativa delle Marche


Tantissime persone sono intervenute mercoledì nella sala del consiglio comunale di Senigallia per assistere alla presentazione del libro “Pane e politica” del sindaco di Pesaro Matteo Ricci.

L’iniziativa, organizzata dal gruppi del Partito Democratico in Comune e in Regione, è stata introdotta dagli interventi del consigliere comunale Rodolfo Piazzai e del capogruppo regionale Maurizio Mangialardi.

Applauditissimo l’intervento di Ricci, che ha raccontato il viaggio intrapreso in lungo e in largo per l’Italia all’indomani della sconfitta del centrosinistra alle elezioni politiche del 2022. Un viaggio svolto entrando nelle case degli italiani, sedendosi alla loro tavola nel contesto informale della cena, non per spiegare i motivi di quella sconfitta, ma per capirne le ragioni, chiedendo direttamente a giovani, studenti, lavoratori, precari, disoccupati, ma anche a manager pubblici e privati e a imprenditori, perché il Partito Democratico non è stato capace di intercettare il disagio crescente di milioni di cittadini che si sono rifugiati dell'astensionismo o hanno addirittura optato per il voto ai partiti di destra.

“Anzitutto ringrazio Matteo - ha detto Mangialardi - per essere venuto a Senigallia e aver condiviso con noi questa bella occasione di approfondimento e confronto che ci ha offerto tanti stimoli da cui ripartire anche qui, nella nostra città. Il suo libro, ma soprattutto la positiva esperienza a cui Matteo ha dato vita negli scorsi mesi con il suo lungo viaggio in giro per l’Italia, rappresenta un modello di come deve o dovrebbe essere fatta politica. Tutti noi siamo chiamati ad aprire una riflessione collettiva sulle ragioni delle tante sconfitte elettorali, ma soprattutto sullo scollamento che si è prodotto tra il nostro partito e le comunità che compongono il nostro Paese. Un ragionamento che non può e non deve essere finalizzato a un’altra, ennesima analisi autoreferenziale, ma allo scopo di ripartire con maggiore slancio realizzando quella “ricucitura”, quella ricomposizione di una connessione sentimentale che purtroppo si è in gran parte persa negli ultimi anni”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2024 alle 16:02 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 1000 letture






qrcode