contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'

Barbara: atti vandalici ai bagni pubblici e rifiuti abbandonati, la rabbia del sindaco

2' di lettura
448

di Sara Santini
senigallia@vivere.it


I bagni pubblici di Barbara sono stati presi di mira dai vandali, che hanno reso inutilizzabile il bagno. Una situazione intollerabile per il sindaco Riccardo Pasqualini che via social non ha potuto trattenere tutto il suo disappunto.

"Dispiace constatare come l'inciviltà - ha scritto su Facebook - la non educazione, la mancanza di rispetto per l'ambiente e per le cose, il saper vivere in comunità, sono ormai valori persi o addirittura mancanti. In occasione della Festa di Santa Barbara potete vedere come è stato ridotto il bagno pubblico dei Giardini del "Parco".

E non si dica che sono ragazzate, perché è da questa estate che questa storia si ripete, in diverse forme e modalità. Sappiamo bene chi sono, un gruppetto di 10-12 anni e un altro gruppetto di 13-16 anni.

Fate attenzione perché prima o poi sarete colti sul fatto e quindi poi una denuncia non ve la toglierà nessuno.

Quindi cari genitori fate in modo che i vostri figli non siano coinvolti, perché ripeto, poi la giustizia farà il suo corso".

Ma non è la sola questione che in queste ore ha fatto sbottare il primo cittadino.

"Un altro aspetto altrettanto, se non più grave - ha aggiunto Pasqualini - è disperdere per i campi l'immondizia. Le foto sono state fatte in Contrada Coste, dal versante della collina che va verso il fiume.

Fate attenzione, perché per tale comportamento c'è il "penale". A breve implementeremo e miglioreremo il servizio di video sorveglianza perché chi sbaglia, dolosamente e ripetutamente, deve essere corretto.

L'ultimo comportamento che non si riesce va debellare, è la mancanza della raccolta delle deiezioni dei cani. Si dice "eh ma sono i cani che girano sciolti per il paese..." Può anche essere, e comunque questo non va bene... Ma se poi le deiezioni sono all'interno dell'area riservata ai cani, allora vuol dire che c'è della maleducazione...

Purtroppo questi comportamenti sono abbastanza diffusi anche nei paesi e città limitrofe.

Questo non può far dire “mal comune mezzo gaudio”, ma invece deve fare riflettere e pensare che qualcosa nella educazione, a partire dalle famiglie, non sta funzionando e servono dei momenti di incontro per poter riflettere e ripensare insieme le modalità del vivere civilmente nel rispetto delle persone, delle cose e anche degli animali".





Questo è un articolo pubblicato il 07-12-2023 alle 11:29 sul giornale del 09 dicembre 2023 - 448 letture






qrcode