contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Pd: "A Senigallia (quasi tutta) la maggioranza è a favore del gioco d'azzardo"

2' di lettura
648
da PD Senigallia
www.pdsenigallia.it

gioco d'azzardo ludopatia
Nel Consiglio comunale del 30 novembre si è consumato da parte della maggioranza, per fortuna non tutta, l’ennesimo incentivo alla ludopatia. Riprendiamo brevemente ciò che è accaduto in questi mesi: il gruppo Fdi, con il consigliere Liverani in testa, presenta in Commissione una modifica al regolamento per il gioco d’azzardo che sarebbe andata ad ampliare gli orari di apertura, da 12 a 16 ore.

Parallelamente sempre Fratelli d’Italia a livello regionale, evidenziando dunque una strategia di partito, supera addirittura la proposta rendendo meno restrittivi anche i limiti spaziali dai luoghi sensibili.

Per questo motivo il Partito Democratico di Senigallia insieme alle altre forze di opposizione ha proposto una risoluzione che andasse a chiedere proprio al Consiglio regionale di tornare sui suoi passi e modificare nuovamente la legge regionale 3/2017.

Abbiamo dovuto assistere però ad una nuova vergogna: hanno votato a favore della risoluzione, oltre ai consiglieri di opposizione, anche i consiglieri di maggioranza Ansuini, Antonelli e Rebecchini, ai quali riconosciamo l’onestà intellettuale di opporsi ad una modifica regolamentare inaccettabile, tuttavia non è stato sufficiente e la risoluzione è stata dunque respinta a maggioranza.

Ancora più vergognoso è però l’atteggiamento del Sindaco Olivetti che con il suo solito fare pilatesco non ha partecipato alla votazione perché “non può votare una risoluzione che lo autoimpegna”. Così come non può votare le delibere di giunta che autorizzano 90 appartamenti, anche qui non si esprime una posizione chiara.

A noi, invece, il motivo della sua non votazione sembra molto chiaro: non vuole esporsi contro il governo regionale, sostenuto dalla sua stessa maggioranza politica. Se è così, lo dica chiaramente invece di nascondersi continuamente. Se si è contro quelle modifiche si sarebbe dovuto votare a favore della nostra risoluzione, viceversa si sarebbe votato contro. Non partecipando, dunque, alla votazione, il sindaco ha scelto di stare dalla parte di chi vuole incentivare il gioco d’azzardo patologico.

Non possiamo più accettare questo doppio gioco del sindaco che, a seconda della convenienza, si presenta come “civico”, ma che di civico ha rimasto ben poco. I suoi ultimi attacchi politici violenti e male indirizzati denotano un certo nervosismo, forse l'attuale governo cittadino inizia a traballare internamente e si cerca il nemico immaginario esterno o guardando indietro?

Il gioco d’azzardo patologico è una cosa seria e in quanto tale va affrontato con onestà intellettuale. Per una volta si lasci da parte il “voto di partito” e si abbia la chiarezza di dire che le modifiche alla legge regionale sono irricevibili sotto ogni punto di vista.



gioco d'azzardo ludopatia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2023 alle 11:12 sul giornale del 02 dicembre 2023 - 648 letture






qrcode