x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Cosa possono imparare le autorità di regolamentazione del gioco d'azzardo internazionali dall'AAMS

6' di lettura
56

di Redazione


Il gioco d'azzardo è un'industria di livello mondiale che ogni anno attira centinaia di milioni di persone e che ha un giro di denaro davvero incredibile. Si parla, infatti, di centinaia di miliardi di euro.

Anche da questi aspetti, quindi, si può facilmente intuire che siamo dinanzi a un settore particolarmente importante e, allo stesso tempo, complesso. Non a caso, viene regolato in molte maniere diverse in base al paese in cui ci si trova. In Italia, ad esempio, viene gestito dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, un ente che da alcuni anni ha preso il posto e i compiti dell’AAMS.

Bisogna sottolineare, poi, che proprio l’ADM ha attivato negli ultimi anni una lunga serie di norme e regolamentazioni. Anche per questo motivo, quindi, le altre autorità impegnate nella gestione dei casinò online e dei bookmaker, avrebbero molto da imparare. In questo articolo vogliamo soffermarci proprio sui punti più importanti chiarendo, però, degli aspetti fondamentali.

Con la nostra analisi, infatti, non vogliamo dire che i casino non AAMS non siano effettivamente validi. Anzi, ce ne sono molti che hanno ottenuto un grande successo, anche tra i giocatori italiani, grazie alla vasta gamma di giochi e i bonus.

Bisogna sapere che i casino non AAMS non hanno la licenza italiana ma, spesso, conquistano l'autorizzazione di altri enti molto importanti. Spiccano, ad esempio, la UK Gambling Commission, la Malta Gaming Authority e la eGaming rilasciata da Curacao.

Anche questi agenzie internazionali, infatti, effettuano dei controlli molto rigorosi e permettono di giocare con la massima tranquillità. Adesso, comunque, vediamo nel dettaglio quali sono gli aspetti fondamentali dell’ADM-AAMS da cui molti enti potrebbero prendere spunto.

Perché Regolamentare il Gioco d’Azzardo?

Prima di passare a vedere i punti in cui spicca l'AAMS, è bene chiarire il perché una regolamentazione del gioco d'azzardo sia davvero fondamentale. Fino a qualche anno fa, infatti, il gioco era spesso utilizzato per riciclare denaro sporco o gestito da organizzazioni criminali. Tranne che per i casinò autorizzati, infatti, tutto il gioco era praticato in bische clandestine in cui, come si può facilmente immaginare, c’era davvero poco di sicuro. I croupier, ad esempio, erano formati appositamente per truffare i giocatori.

Inoltre, anche nel caso in cui qualche giocatore avesse ottenuto delle vincite grazie alla sua fortuna e alle sue abilità, i premi raramente gli venivano pagati. Insomma, senza una reale regolamentazione la situazione era un vero disastro e questo modo di fare si stava diffondendo anche nelle piattaforme online.

Anzi, con l’online tutto è diventato molto più semplice per i truffatori. I rischi per i criminali erano ridotti, si potevano creare società con residenza in paesi lontani e senza alcun tipo di regolamentazione. I giochi, poi, potevano essere realizzati appositamente per imbrogliare gli ignari giocatori. Ad un certo punto, quindi, lo Stato italiano ha deciso di mettere fine a tutto ciò, così come fatto anche da altre nazioni.

Ogni paese, infatti, ha creato i propri enti di regolamentazione e stabilito le regole che ogni casinò e bookmaker, per lavorare in Italia, deve rispettare.

ADM-AAMS e Regolamentazione

In questa parte del nostro articolo passeremo a vedere nel dettaglio i punti fondamentali su cui si è basato il modello di regolamentazione voluto e messo in atto dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli italiana.

Trasparenza e supervisione

L'AAMS ha fatto sì che ci sia un continuo controllo, ma anche un confronto serrato con gli operatori del settore. I casinò, infatti, devono comunicare i propri dati direttamente all’ADM e questi si impegna a realizzare studi di settore e capire le problematiche del gioco d’azzardo, sia dal punto di vista degli operatori che dei giocatori.

In questo modo, quindi, può lavorare sulle possibili soluzioni. Inoltre, ogni operatore per essere attivo in Italia deve avere la licenza che dura solo per alcuni anni. Successivamente, infatti, deve poi rinnovarla e, di conseguenza, superare altri controlli. Il simbolino dell’ADM, poi, deve essere in bella vista così da far capire immediatamente ai giocatori quali siano i siti legali.

Protezione dei giocatori

Un ambito in cui l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha sicuramente una marcia in più, è la protezione dei giocatori, soprattutto quelli fragili e a rischio di Ludopatia.

Ogni utente, infatti, può richiedere l’autoesclusione temporanea o permanente o impostare limiti di deposito settimanali. Inoltre, tutti i casinò devono avere obbligatoriamente una pagina dedicata al Gioco Responsabile. All'interno di quest’ultima devono esserci le informazioni riguardo alla dipendenza dal gioco d'azzardo e il numero per mettersi in contatto con gli operatori. Questi, poi, aiuteranno i giocatori a intraprendere un percorso di recupero, oltre a dare vari consigli.

Lotta al gioco illegale

L’AAMS, poi, ci contraddistingue anche per il suo approccio diretto contro tutti i siti illegali e non sicuri che continuano ad accettare puntate dai giocatori italiani. Appena li trova, infatti, blocca immediatamente l’accesso dall'Italia.

Cosa possono imparare le autorità di regolamentazione internazionali

Ora che conosciamo gli aspetti più importanti dell’ADM-AAMS che, ripetiamo, spesso sono seguiti anche dai migliori casino non AAMS e con licenza straniera, vediamo cosa possono imparare alcune regolamentazioni mondiali.

Incontro e non Scontro

Il primo punto importante che sentiamo di dover sottolineare è creare un rapporto di fiducia tra l’ente e gli operatori. Scontrarsi ripetutamente, infatti, non porterà alcun beneficio né ai singoli protagonisti né ai giocatori e al settore stesso.

Molto meglio trovare un giusto rapporto di lavoro così da creare anche le migliori condizioni per gli utenti online.

Protezione dei giocatori

Il giocatore, poi, non deve essere semplicemente qualcuno da spennare. È importante che gli utenti vengano salvaguardati con tutti i sistemi possibili. Inoltre, bisogna renderli capaci di saper riconoscere una dipendenza, o comunque un forte problema, con il gioco d’azzardo.

Utilizzo delle entrate

Tutti i casino che collaborano con l’AAMS devono versare parte dei loro incassi, sotto forma di tasse, nelle casse dell’ADM, e quindi dello Stato.

Questo denaro, però, viene utilizzato per migliorare l'esperienza dei giocatori. In particolare per creare nuovi progetti di prevenzione dalle dipendenze e di lotta al gioco illegale. Anche da questo punto di vista, comunque, i casino non AAMS fanno un lavoro importante, a patto, però, che siano quelli che collaborano con i principali enti di controllo e verifica (UKGC, Curacao e MGA).



Questo è un articolo pubblicato il 07-10-2023 alle 08:27 sul giornale del 07 ottobre 2023 - 56 letture



qrcode