contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPORT
articolo

Roma femminile, confermata la nuova casa per la Champions

4' di lettura
108

di Redazione


calcio
Il debutto della Roma femminile nella seconda fase di qualificazione della UEFA Women's Champions League è alle porte. Migliaia di tifose e tifosi sono pronti a sostenere le loro beniamine, e in tanti sono pronti anche a seguire i loro pronostici su Scommessesulweb.

Le giallorosse saranno impegnate contro il Vorskla Poltava, compagine ucraina vincitrice dell’ultimo campionato nazionale. La Roma ospiterà le avversarie al Tre Fontane, sia per la partita di andata che per quella di ritorno, a causa delle difficoltà logistiche del club ucraino.

Champions League femminile: Roma – Vorskla Poltava al Tre Fontane

La Roma femminile ha finalmente trovato una sistemazione definitiva per giocare le partite di Champions League. Lo Stadio Tre Fontane, in zona EUR, è stato riqualificato e sarà ora il luogo dove le campionesse d'Italia giocheranno le loro partite casalinghe nella massima competizione europea.

L’assessore di Roma Capitale, Alessandro Onorato, ha ufficialmente comunicato la notizia, rimarcandone l’importanza non solo per le giallorosse, ma per l’intero movimento calcistico femminile italiano.

Seconda fase di qualificazione UEFA Women’s Champions League: quando si gioca Roma – Vorskla Poltava

Roma-Vorskla Poltava sarà un doppio appuntamento, andata e ritorno, da disputare al Tre Fontane. Il duplice confronto si terrà in Italia a causa dell’indisponibilità del campo delle campionesse ucraine: in assenza di uno stadio infatti entrambi i match si svolgeranno a Roma.

L’appuntamento per la partita di andata è fissato per giorno mercoledì 11 ottobre alle ore 14:30; il ritorno sarà esattamente una settimana dopo, mercoledì 18 ottobre, sempre alle 14:30. Durante il match di ritorno, la squadra ucraina del Vorskla Poltava sarà formalmente considerata come team di casa.

Tre Fontane: la nuova casa delle giallorosse in Champions League

L’impianto sportivo Tre Fontane in zona EUR ha subito un recente ammodernamento con l’obiettivo di garantire alla Roma femminile una nuova casa in grado di ospitare grandi eventi sportivi internazionali.

Infatti fino allo scorso anno, che è coinciso con la prima storica partecipazione della Roma femminile alla Champions League, le partite di campionato si sono svolte al Tre Fontane, mentre quelle europee si sono disputate al Francioni di Latina e all’Olimpico. Questo perché l'impianto dell'EUR, a causa di alcuni problemi di illuminazione, non rispettava i criteri stabiliti dall'UEFA.

La disponibilità del rinnovato Tre Fontane sarà un grande vantaggio per le calciatrici della Roma, che non saranno più costrette a continui e faticosi spostamenti a Latina per disputare i match europei. La Roma potrà difatti giocare tutte le partite di campionato e di Coppa dei Campioni femminile nella Capitale, contando sul supporto della tifoseria, che non dovrà più intraprendere lunghi spostamenti per sostenere le proprie beniamine.

Come funziona la Champions League femminile: la Roma si gioca le sue carte nel “Percorso dei Campioni”

La UEFA Women's Champions League è la più importante competizione di calcio femminile a livello di club. La fase a gironi prevede la partecipazione di sedici squadre, suddivise in quattro gruppi da quattro. Le prime due classificate di ogni gruppo si guadagnano l’accesso all’ambita fase a eliminazione diretta, che inizierà a marzo: i quarti di finale e le semifinali saranno disputate con la formula andata e ritorno, mentre la finale sarà una partita secca che si terrà a Bilbao nell’ultimo weekend di maggio.

Per quanto riguarda la partecipazione per campionato, le nazioni con i coefficienti più alti del ranking UEFA femminile (Francia, Germania, Spagna, Inghilterra, Svezia e Repubblica Ceca) possono iscrivere tre squadre. Le dieci nazioni successive possono iscrivere due squadre, mentre gli altri paesi hanno diritto a iscrivere una sola squadra.

L’ammissione al torneo prevede tre diversi percorsi:

Il percorso dei campioni;

Il percorso delle piazzate;

Il percorso di accesso diretto.

In sintesi, le squadre che partecipano alla competizione dipendono dal successo nei campionati nazionali e dalle posizioni nel ranking UEFA. La detentrice del titolo e le vincitrici dei campionati delle tre nazioni con i coefficienti più alti iniziano direttamente dalla fase a gironi. Cinque squadre possono avanzare al turno 2 del percorso delle piazzate a causa dei risultati dei campionati nazionali di altre squadre.

Il percorso dei campioni è quello che interessa la Roma. Sono quattordici le squadre coinvolte nel secondo turno di qualificazione, divise tra le vincitrici dei campionati nazionali e le compagini che si sono aggiudicate il primo turno di qualificazione.

L’esito di queste partite stabilirà in conclusione sette partecipanti, a cui si sommeranno altre cinque squadre dal percorso delle piazzate e le quattro squadre qualificate di diritto, ovvero le campionesse in carica del Barcellona e le vincitrici dei tre campionati più alti nel Ranking Fifa: l’Olympique Lione per la Francia, il Bayern Monaco per la Germania e il Chelsea per l’Inghilterra.

Si ricorda infine che permane l’esclusione di tutte le squadre russe dalle competizioni UEFA. Il provvedimento, che rimarrà attivo fino a nuovo avviso, è applicato in conformità a quanto deciso dal Comitato Esecutivo UEFA in data 28 febbraio 2022.



calcio

Questo è un articolo pubblicato il 28-09-2023 alle 14:36 sul giornale del 28 settembre 2023 - 108 letture



qrcode