contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPETTACOLI
articolo

Gaming in crescita: si punta sulle saghe per la conquista degli utenti

4' di lettura
74

di Redazione


L’universo dei gamers, di recente, è stato oggetto di cambiamenti ed evoluzioni. Prima su tutte, una enorme crescita, accelerata dalle condizioni esterne - principalmente dai risvolti della pandemia - che hanno portato a un conseguente e necessario riassetto dell’intera economia.

Una filiera che si è dunque trovata a dover far fronte alle richieste di nuovi utenti, talvolta diverse rispetto al pubblico già fidelizzato e più esperto.

Secondo alcune fonti, nel 2022 si è verificata una leggera frenata del comparto, che non viene però interpretata come problematica. Si tratta di un leggero rallentamento rispetto al boom degli anni precedenti, che era quasi previsto, ma per i prossimi tre anni le proiezioni sono decisamente buone. La crescita annua si attesterà, infatti, all’incirca sul 7,3%, portando così il valore del mercato globale del gaming dai 2,9 miliardi del 2021 a 4,6 miliardi nel 2026.

L’uscita di un nuovo titolo è sempre un momento delicato per i produttori e per i gamers stessi. Per i primi è l’occasione di verifica e di riscontro di un lavoro durato mesi - se non anni -, mentre per i secondi è il momento di verificare se le aspettative e l’hype creato intorno alla nuova uscita valgano veramente la pena.

Grazie alle previsioni di mercato, le software house trovano un terreno abbastanza fertile per la pianificazione delle future proposte, pur dovendo fare i conti con la situazione di crisi globale che invariabilmente va a influire sulle abitudini di acquisto dei consumatori.

Filoni di giochi: un compromesso fra novità e tradizione

Motivo in più per puntare su una delle formule di maggior successo, rappresentata perfettamente dai filoni di giochi.

Questa è, infatti, una categoria molto amata dagli utenti, i quali raramente rinunciano a testare il nuovo capitolo di una saga a cui sono appassionati.

La componente affettiva che lega i gamers ai protagonisti o alle ambientazioni è uno dei punti di forza di questa categoria che viene impiegato da diverso tempo anche nel gambling. Le slot machine Fire Blaze sono uno dei più recenti esempi di come i filoni catturino l’attenzione degli utenti. Le meccaniche più classiche sono state abbinate a un ventaglio di ambientazioni incentrate su mondi perduti: la ricerca di un tesoro nascosto nell’Antico Egitto, un viaggio fra odalische nell’Antico Oriente, gli scenari esotici della Giungla e addirittura quelli misteriosi della Tundra.

In questo caso, nonostante ambientazioni e protagonisti sempre diversi, il filo conduttore è l’avventura, il cui successo è agevolato dall’estrema cura dei dettagli e degli effetti audiovisivi che caratterizzano la saga, disponibile fra gli oltre 700 giochi presenti nel palinsesto di Big Casino.

Non solo gaming: film, serie TV e tantissimi crossover fra generi

Come sappiamo, la corrente dei filoni è spesso ripresa anche nelle altre sfere dell’intrattenimento, non solo nel gaming. Quando si azzeccano personaggi iconici che conquistano il grande pubblico è difficile resistere alla tentazione di seguire la scia del successo, come nel caso di John Wick, ex assassino magistralmente interpretato da Keanu Reeves, per il quale addirittura si parla già di un quinto capitolo a pochi giorni di distanza dall’uscita del quarto.

Moltissimi anche i casi di crossover fra generi. Gaming, serie TV e film intrecciano i rispettivi percorsi da decenni, dando luogo a veri e propri casi commerciali di enorme successo.

E l’aspetto più importante è che questi titoli non sono esclusivi, non si rivolgono cioè alla sola nicchia di pubblico già a conoscenza del videogame o del protagonista, ma mirano a estendere il target conquistando altri fan.

Collaborazioni di questo tipo alimentano una crescita importante delle diverse economie dell’intrattenimento, che si integrano fra loro, componendo un vero e proprio puzzle con l’inserimento dei singoli tasselli che vanno a creare l’intera storia.

Succede ad esempio con The Last of Us, di cui è appena stata lanciata la prima stagione interamente ispirata alle vicende del celebre videogioco. Nonostante, appunto, la trama e gli avvenimenti si basino sul videogame, i creatori dello show hanno garantito colpi di scena anche per i veterani e i profondi conoscitori del titolo e arricchimenti che lo show apporta ai personaggi già noti.

Saghe e crossover fra generi sembrano quindi la soluzione anticrisi: non resta che aspettare per vedere se le aspettative del grande pubblico saranno rispettate.



Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2023 alle 19:00 sul giornale del 04 aprile 2023 - 74 letture



qrcode