statistiche accessi

x

Il Comitato PEEP Misa: "A due mesi dall'alluvione il fango circonda ancora le nostre case"

1' di lettura Senigallia 29/11/2022 - A due mesi dalla tragica esondazione, non si è ancora provveduto alla rimozione del fango che circonda le nostre abitazioni, che, solidificando, oltre ad aumentare la quota idrogeologica e divenendo impermeabile, in caso di forti precipitazioni convoglia di nuovo acqua e fango nelle nostre abitazioni.

Più grave è che non si à ancora provveduto alla sistemazione dell’argine, e che nella zona parcheggio Zavatti, costruito abusivamente a ridosso degli argini del fiume, esiste un condotto che convoglia acqua e fango nelle abitazioni rese a quota idrologica inferiore. Non si è ancora presa in considerazione nessuna opera di risoluzione e tamponamento per l’innalzamento e la sopressione dell’area di contenimento esistente prima delle edificazioni cheper essere costruite a ridosso del fiume Misa, l’area idrogeologica e stata elevata di mt.1,80.

A dichiarazioni del sindaco di Senigallia e che la zona è divenuta rossa a grave pericolo senza precisare che è stata fatta volutamente zona rossa dalle precedenti amministrazioni seza prevedere nessuna opera di salvaguardia per le abitazioni che già esistevano ad una accettabile situazione di sicurezza. I residenti chiedono un urgentissimo intervento di rimozione del fango nauseabondo e causa probabili contagi, causa di futura immissione d’acqua nelle abitazioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2022 alle 15:15 sul giornale del 30 novembre 2022 - 1460 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dFDG





logoEV
logoEV
qrcode