statistiche accessi

Nel 2014 erano gli "angeli del fango" ora sono un vero esercito della solidarità: in centinaia a spalare per rinascere

1' di lettura Senigallia 19/09/2022 - Li avevamo già imparati a conoscere, purtroppo, nel 2014, quando la prima alluvione che colpì Senigallia fece scoprire la tenacia e la generosità di tanti giovani che hanno spalato fango per giorni in casa di sconosciuti.

Allora furono soprannominati “gli ageli del fango”. A otto anni di distanza sono tornati, sono sempre di più e sono diventati un verso esercito della solidarietà. Sono le centinaia di ragazzi che muniti di stivali e pale arrivano in soccorso di chi ha subito una nuova alluvione. Stanno spalando da giorni la melma che ha invaso scantinati, garage e pianterreni. Sgomberano interi appartamenti dai mobili diventati ormai un tutt'uno con il fango. Con stracci e scopettoni ripuliscono il salvabile. E finita la “missione” in una casa sono pronti a passare al vicino della porta accanto. Lavorano senza sosta ma con il sorriso, con la gioia della loro età e con il loro entusiasmo alleviano la sofferenza di chi ha perso tanto o tutto nell'alluvione. Abbiamo raccolto alcune delle più significative foto che stanno facendo il giro del web e che immortalano, in uno scatto, la voglia di vivere e di ricominciare, ancora una volta.








Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2022 alle 20:00 sul giornale del 20 settembre 2022 - 6194 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dqCt





logoEV