Nuove iniziative sui Centri Civici, un sondaggio e una petizione

3' di lettura Senigallia 10/08/2022 - Nel corso degli ultimi anni si è registrato un crescente calo di motivazione ed una marcata distanza fra cittadini e istituzioni.

I cittadini si avvicinano - se si avvicinano- alla politica solo al momento del voto, poco avvezzi al confronto ed alla discussione, nonchè ignari delle possibilità esistenti per costruire legami comunitari più forti. Pertanto, i problemi, le cui origini che spesso partono dalla nostra indifferenza e noncuranza verso i nostri concittadini più deboli ed esclusi (vedi il caso Alika di Civitanova), potrebbero essere affrontati con maggiore consapevolezza e determinazione se esistessero luoghi di confronto adeguati.

A livello locale, per esempio, proprio nei Centri Civici i cittadini potrebbero incontrarsi, discutere, confrontarsi, proporre e collaborare per il bene della comunità. Solo che ancora non esistono. A seguito della scomparsa delle Circoscrizioni infatti, accaduta più di dieci anni fa, credo che sia ormai tempo di eleggere i rappresentanti di questi organismi, magari rivisti nell’articolazione e nelle competenze, che garantirebbero un più stretto rapporto tra Istituzioni e Comunità locale, e che consentirebbero ai cittadini di poter entrare sempre più nel vivo delle politiche cittadine ed in particolare nei problemi del territorio in cui abitano. Ebbene, nonostante alcune azioni di sensibilizzazioni e di sollecito delle Istituzioni locali (il convegno di novembre scorso e l’interrogazione consiliare di luglio), non si è ancora giunti alla decisione di istituirli; e credendo, invece, quanto mai urgente dare un’accelerazione a questa introduzione, ho ideato altri momenti di coinvolgimento della popolazione sull’argomento.

Il primo è un breve sondaggio di 10 domande sui Centri Civici, a partire da oggi, a cui si può rispondere liberamente ed anonimamente online, collegandosi al link: https://forms.gle/huqKJFytqMsw7ojj6; il secondo, che partirà a settembre, è una petizione a norma dell’art 63 commi 3 e segg, dello Statuto Comunale.

Di seguito, le domande del sondaggio. 1) Ritieni che l’esistenza dei Centri civici possa avvicinare maggiormente i cittadini alla vita politica della città e favorire la loro partecipazione democratica? 2) Ritieni che i Centri Civici, oltre ad essere luogo di incontro, di relazione e di confronto, sia anche sede di riconoscimento di virtù ed azioni civiche espresse al servizio della comunità? 3) Ritieni che attraverso i Centri Civici i cittadini possano essere meglio informati sulle politiche cittadine? 4) Ritieni che grazie ai Centri Civici i cittadini possano esprimere meglio le proprie idee sulle scelte politiche cittadine? 5) Ritieni che attraverso i Centri Civici i cittadini possano essere portatori di istanze più vicine al territorio in cui abitano? 6) Ritieni che i Centri Civici non debbano riflettere la composizione dei partiti presenti in Consiglio Comunale? 7) Ritieni che grazie ai Centri Civici i cittadini possano prendersi maggiormente cura del territorio in cui abitano collaborando con la PA? 8) Ritieni che i Centri Civici possano funzionare più efficacemente prevedendo al loro interno commissioni tematiche? 9) Ritieni che attraverso i Centri Civici i cittadini possano contribuire alla formulazione degli indirizzi e delle politiche cittadine? 10) Ritieni che i Centri Civici possano contribuire alla formulazione del bilancio? Mi rendo conto che il sondaggio è impegnativo e invita a riflettere; si può semplicemente rispondere in maniera affermativa o negativa alle domande; oppure, rispondere motivando le ragioni del si o del no. I risultati sintetici ed argomentati saranno presentati in occasione di un incontro pubblico agli inizi di settembre.


da Mohamed Malih
Consigliere Straniero aggiunto





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2022 alle 11:33 sul giornale del 11 agosto 2022 - 479 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dkmT





logoEV
logoEV