Anche Senigallia la Salone del Libro di Torino con la Ventura Edizioni

3' di lettura Senigallia 22/05/2022 - Un salone del libro con parole marchigiane, anzi senigalliesi. All'interno dello stand degli editori indipendenti di CNA nazionale, attivo in questi giorni al Salone di Torino, c'è anche CNA Ancona con l'editrice Catia Ventura e le sue pubblicazioni.

Una presenza importante, arricchita anche dalla presentazione ieri del libro "Scrittura e Cura" dell'autrice Gledys Pace e pubblicato proprio da Ventura Edizioni.

“Il Salone è una grande opportunità per noi piccoli editori e lo stand di CNA arricchisce ancora di più questa occasione - sottolinea l'editrice Catia Ventura, titolare della casa editrice di Senigallia Ventura Edizioni e membro della presidenza di CNA Comunicazione Ancona -. Purtroppo si legge sempre meno, nonostante il mondo scolastico e le biblioteche abbiano iniziato a mettere in campo politiche di educazione alla lettura. Sono sempre più necessari incentivi pubblici all’acquisto di libri, come detrazioni fiscali e bonus libri e incentivi finalizzati a facilitare l’accesso al credito a piccoli e medi editori. È fondamentale puntare sulla qualità e su piccole tirature, cercando di valorizzare il rapporto tra libro e lettore e tra librai ed editori.” Gli ultimi dati Istat disponibili (Produzione e lettura di libri in Italia 2019) dicono che nel 2019 in Italia erano presenti 1.706 imprese e istituzioni che svolgevano come principale attività la pubblicazione di libri. Considerando la quantità di copie stampate nel 2019, il 53% sono definibili “micro-editori” (non oltre 5.000 copie), il 38,1% piccoli editori (tiratura massima 100.000 copie), il 6,8% medi editori (tiratura non superiore a un milione di copie), il 2,1% grandi editori (tiratura superiore a un milione di copie).

I grandi e medi editori insieme realizzano oltre la metà (il 59%) della produzione in termini di titoli e il 91,3% della tiratura. Nel 2019 sono stati pubblicati in media 237 libri al giorno, quasi 1,3 libri ogni mille abitanti: 86.475 il numero complessivo dei titoli pubblicati, due terzi sono costituiti dalle novità (58,4%) e dalle nuove edizioni (8,5%), mentre il resto (33,1%) è rappresentato dalle ristampe. In termini di tiratura, le novità e le nuove edizioni coprono due terzi del mercato, il resto è coperto dalle ristampe (192 milioni di copie). C’è una rilevante quota di invenduto: in media, il 22% degli operatori del settore dichiara giacenza e reso per oltre la metà dei titoli pubblicati. La percentuale sale al 26% peri micro-editori.

“I piccoli editori rappresentano il 91% del totale del settore. La provincia di Ancona conta ben 44 piccoli editori attivi sul territorio -sottolinea Riccardo Silvi, responsabile CNA Comunicazione Ancona-. Sono veri e propri presidi culturali determinanti, imprese che arricchiscono e completano una filiera formativa e di crescita determinante per il futuro delle nostre comunità. Ma serve un generale cambio di paradigma che metta la lettura al centro del percorso formativo dei nostri ragazzi. I recenti dati della ricerca "Impossibile 2022" di Save The Children danno un quadro allarmante per il futuro: l’incapacità di un ragazzo di 15 anni di comprendere il significato di un testo scritto, è al 51%. L'editoria non è solo una questione economica ma di futuro.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2022 alle 12:06 sul giornale del 23 maggio 2022 - 340 letture

In questo articolo si parla di cultura, cna, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c8zf





logoEV
logoEV
logoEV