Azioni Pirelli: tutto quello che devi sapere prima di investire

14' di lettura Senigallia 27/01/2022 - Le azioni della Pirelli sono le quotazioni borsistiche di una delle aziende con il fatturato più alto in Italia. Oltre ad occuparsi della produzione dei pneumatici, questa società produttiva è specializzata anche nella fabbricazione di cuscini e materassi.

Negli ultimi anni, la Pirelli S.p.a. ha partecipato ad investimenti finanziari per lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile.

In questo articolo, scopriremo quali sono le caratteristiche finanziarie del titolo della Pirelli, qual' è stato l’andamento dagli ultimi anni ad oggi e quali le previsioni sui possibili risvolti futuri. Infine, daremo un’occhiata all’analisi tecnica e dei rischi, offrendo qualche consiglio agli investitori su come comprare azioni Pirelli

Storia dell’azienda di pneumatici Pirelli

Prima di poter entrare nel vivo della questione finanziaria è bene fare un riepilogo sui principali eventi della storia della società degli pneumatici.

La Pirelli S.p.a. è una società di capitali fondata a Milano del 1872 dall’ingegnere Giovanni Battista Pirelli. La sua funzione principale consisteva nella fabbricazione di tele gommate, cinghie di trasmissione, manicotti e raccorderie in gomma. Solo successivamente (1885) verrà dato il via alla realizzazione di gomme per carrozze e pneumatici per velocipedi (1894).

La fabbricazione degli pneumatici per vetture viene avviata solo nel 1901. Questo evento porterà il marchio a crescere in modo esponenziale, non solo a Milano e in Italia, ma anche in Europa. Basti pensare che nei primi anni del ‘900 vengono aperti numerosi stabilimenti Pirelli in diversi paesi del Vecchio continente: Spagna e Inghilterra.

Ma le velleità espansionistiche della società portano la Pirelli a guardare oltre oceano, facendo nascere fabbriche anche in Argentina.

La quotazione in Borsa delle azioni Pirelli

La crescita della Pirelli è tale che nel 1922 la società viene quotata alla Borsa di Milano e, qualche anno più tardi, alla Borsa di New York. Quest’ultimo grande evento, porta il gruppo Pirelli ad essere la prima realtà italiana quotata sul mercato americano.

La crescita della società continua anche durante le due guerre mondiali, così come la sua politica espansionistica che vede nascere nuove fabbriche in Brasile, Grecia e Turchia.

Il processo di crescita di Pirelli continua per tutto il XX secolo, vivendo una battuta d’arresto intorno agli anni ’90 quando la società attraversa un periodo di ristrutturazione aziendale e finanziaria.

Questa fase di cambiamento dura circa un ventennio e sfocia negli anni 2000, quando si va incontro ad una serie di cessione di rami aziendali e di investimenti. Il tutto culminerà nella trasformazione definitiva della Pirelli, nel 2010, in una “pure tyre company” e il delisting dalla Borsa di Milano (2016).

Pirelli torna in borsa il 4 ottobre del 2017, entrando a far parte del FITSE MIB.

Valutazione delle azioni Pirelli

Per valutare la bontà di un investimento è necessario avere a disposizione tutte le informazioni principali.

Le azioni del gruppo Pirelli hanno un indice di capitalizzazione di 4,41 miliardi di eur. Il segmento di mercato a cui appartiene l’azienda fondata a Milano è quello delle auto motive, con ricavi pari a 6,81 miliardi di eur. Ad oggi, il dividendo per ogni singola azione è di 0,18 euro.

Pirelli è un gruppo aziendale quotato in borsa di Milano dal 1922 al 2015. La de-listalizzazione del titolo è avvenuta quando la Marco Polo Industrial Holding (società controllata da CNRC e partecipata da Camfin e LTI, socio russo subentrato nell’azionariato Pirelli nel 2014) ha lanciato un’OPA.

In pratica, la suddetta Holding, lanciando un OPA obbligatoria totalitaria su Pirelli a 15 euro per azione, è riuscita ad occupare tutto il capitale aziendale.

Due anni dopo è avvenuto il ritorno in Borsa di Milano, con l’ingresso nella lista delle aziende che compongono il FTSE MIB e FTSE Italia Brands.

Storico Pirelli

Nel biennio 2011/12 il gruppo Pirelli ha vissuto una fase di espansione grazie all’avvio di un polo industriale in Russia e creando una joint venture con Rostec.

Altra partnership significativa è stata quella con Astra OtoParts per la realizzazione di una fabbrica in Indonesia, mentre nel 2012 ha aperto il primo stabilimento in Messico da milioni di dollari.

Successivamente il gruppo Pirelli ha diversificato la sua attività produttiva, occupandosi anche di: abbigliamento maschile e femminile, materassi e energia rinnovabile.

Analisi del trend

Tornando ai giorni nostri, dobbiamo sottolineare come l’analisi tecnica del medio periodo individui una fase positiva e rialzista che, tuttavia, procede con grande moderazione.

Di fatto, se la medesima analisi venisse effettuata sul breve periodo, ci accorgeremmo come la quotazione delle azioni Pirelli abbiano un andamento poco intenso, quasi un appiattimento della curva. Tutto ciò spinge a credere che può esserci una resistenza che non verrà rotta, provocando un ribasso dei prezzi nel breve tempo.

Ovviamente, questa valutazione si rivolge principalmente agli investitori di breve periodo come chi opera con il trading online e i CFD (es. con eToro).

Per quanto riguarda un’operazione di mercato di lungo periodo, notiamo un buon margine di successo dal momento che i dati provenienti dalla società inserita nella lista FTSE MIB sono positivi.

Analisi dei rischi

Il gruppo Pirelli e le sue azioni hanno alle spalle anni di sviluppo e crescita, sia in Italia che in tutto in mondo. La produzione dell’azienda non è mai stata fermata e ha saputo adattarsi ai tempi, rinnovandosi e migliorandosi al netto delle difficoltà.

Tutto ciò spinge a definire sicure le azioni Pirelli, il cui valore in denaro è destinato a crescere, così come il fatturato da milioni di euro e i dividendi. Fermo restando il rischio tipico di tutte le operazioni finanziarie.

Per quanto concerne gli investimenti con broker di trading e CFD, (es. sito eToro) anche in questo caso i dati che si hanno a disposizione sono incoraggianti. Tuttavia va sottolineata la bassa volatilità del valore delle quote che riducono il margine di guadagno di denaro per chi opera in modalità scalping o intra-day.

Azioni Pirelli: previsioni 2022

I dati relativi ai mesi del 2021 parlano di una settore delle automotive duramente colpito dall’emergenza sanitaria mondiale. Quest’ondata di negatività ha inevitabilmente colpito le aziende, come Pirelli, che si occupano degli pneumatici.

Il futuro è ancora in certo e la fine della pandemia è ancora lontana. Dunque, tutto fa pensare che la ripresa economica italiana, per quanto riguarda i dati relativi alle attività della Pirelli, sia molto distante dai giorni nostri. Pertanto, il valore delle azioni, stando alle valutazioni degli esperti, difficilmente salirà sopra i 3,5/4 eur per singola quotazione.

Trading online con Azioni Pirelli

Ad oggi, se si desidera investire sulle azioni Pirelli una valida opzione potrebbe essere offerta dai broker di trading online regolamentati, come il sito eToro.

Quest’anno, investire con i CFD può essere la soluzione migliore, al netto del margine di rischio. Questa tipologia di attività finanziaria permette di investire sia al rialzo che al ribasso, sfruttando entrambi i trend.

Inoltre, facendo trading online con eToro, l’investitore può sfruttare a proprio vantaggio il meccanismo della leva finanziaria per investire poco e guadagnare/perdere molto.

Per usare in modo adeguato tale investimento conviene affidarsi a broker regolamentati e sicuri come eToro.

Conviene comprare azioni Pirelli

Investire in azioni Pirelli conviene. Al netto di tutti i dati che vi abbiamo fornito, possiamo dire che l’azienda di Milano, che si occupa della produzione di pneumatici, dispone di un buon margine di guadagno per gli investitori.

A causa della situazione di crisi momentanea degli ultimi mesi, sia in Italia che all’estero, consigliamo di prediligere gli investimenti di breve durata con i CFD e di fare sempre attenzione ai concorrenti.






Questo è un articolo pubblicato il 27-01-2022 alle 12:26 sul giornale del 27 gennaio 2022 - 115 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHOk





logoEV
logoEV