Prelievo di organi presso la Terapia Intensiva di Senigallia, gesto di generosità di un 60enne

ospedale di senigallia 1' di lettura Senigallia 24/11/2021 - Nello scorso fine settimana, nella Terapia Intensiva di Senigallia, ha avuto luogo un prelievo d’organi.

Questo è potuto avvenire grazie alla sensibilità e alla generosità della famiglia di un uomo di 60 anni che, gravemente malato, è stato ricoverato presso l’UOC di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Principe di Piemonte. Ci tengo a ringraziare sentitamente i familiari del donatore per l’esempio che hanno dato di grande solidarietà verso il prossimo e di fiducia verso noi sanitari in un’epoca provata da una grave pandemia.

A questi ringraziamenti aggiungo un sentito “Grazie” a tutto il personale medico ed infermieristico che ha permesso che questo prelievo avesse luogo. Mi riferisco alla Direzione Sanitaria, alla dottoressa Romagnoli, coordinatrice della donazione dell’UOC di Anestesia e Rianimazione, ai medici anestesisti, ai neurologi, ai nefrologi, ai chirurghi, agli infermieri di terapia intensiva, del blocco operatorio, alle coordinatrici infermieristiche, al tecnico neurofisiologo, al tecnico dell’anatomia patologica, agli operatori sociosanitari, agli ausiliari e a quanti non ho potuto menzionare.

Durante la permanenza del donatore in terapia intensiva, così come in sala operatoria, una profonda motivazione e grande professionalità ha contraddistinto il lavoro di tutti. Auspico che questo evento rappresenti la ripresa di un’attività fondamentale per la società e dimostra, ancora una volta, che l’Ospedale di Senigallia è in prima linea per il bene comune.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2021 alle 11:05 sul giornale del 25 novembre 2021 - 2389 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, asur marche, Area vasta 2, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cvYQ





logoEV
logoEV