Nasce la Cassa di Mutuo Soccorso: un nuovo esperimento di mutualismo e autorganizzazione

2' di lettura Senigallia 19/10/2021 - Cooperazione e mutualismo, questi gli assi portanti che ci hanno mosso nell’azione politica in questo tempo di pandemia. Coprire quel “distanziamento sociale” o per essere più chiari, quelle differenze di classe, in quel segmento sociale di Senigallia che ha visto precipitare per assenza di lavoro e di reddito la propria qualità di vita.

Tramite la distribuzione di pacchi alimentari e igienico-sanitari, di vestiario e materiale didattico dentro la cornice del progetto BAMS; tramite il lavoro d’informazione, ascolto e servizio dello Sportello di Mutuo Soccorso; tramite le prime vertenze messe in campo grazie alla costituzione del sindacato di base ADL-Cobas Marche, abbiamo sostenuto chi ha pagato il prezzo più alto della crisi socio-economica, ancora in corso.

Questo lavoro territoriale, dal basso, certosino, capillare, lento, silenzioso e lontano dai riflettori mediatici ha dato supporto a centinaia di persone e a decine di famiglie che all’improvviso si sono trovate a non poter mettere più insieme il pranzo con la cena.

Ora che grazie ai vaccini la pandemia sembra arretrare e la così detta normalità essere di nuovo una prospettiva reale, non cessa in tutta la sua drammaticità la crisi socio-economica, aggravata dallo sblocco dei licenziamenti e degli sfratti, ma anche dall’aumento di bollette e carburante.

Per questo riteniamo che la pratica della cooperazione e del mutualismo vada riarticolata e potenziata tramite l’attivazione di un nuovo progetto: la Cassa di Mutuo Soccorso.

Ogni sabato mattina, presso il mercato biologico “Mezza Campagna”, si potrà accedere alla prenotazione e poi al ritiro di prodotti biologici come mele, arance, parmigiano e tanti altri. Ad ognuno di questi prodotti corrisponderà un contributo che andrà a finanziare la Cassa di Mutuo Soccorso.

Questa nuova articolazione del nostro agire politico nella pandemia ha l’ambizione di fornire un sostegno economico diretto e uno scambio di professionalità per tutti coloro che vedono colpito il proprio reddito e il proprio potere d’acquisto.

La cassa si pone come obiettivo da una parte di finanziare percorsi di inclusione sociale e dall’altra di fornire prestazioni lavorative proprio a tutti quei soggetti fragili con i quali siamo venuti in contatto in questi mesi.

L’obiettivo è ambizioso, ridistribuire la ricchezza attraverso reti di mutuo aiuto e farlo promuovendo le aziende agricole biologiche che tutelano il nostro territorio, i propri lavoratori e l’ambiente.

Una pratica che mira a ritessere con pazienza e determinazione quel legame sociale che l’individualismo proprietario prima e il covid poi hanno reciso. Ritesserlo in quei segmenti sociali e di classe che in questo momento soffrono di più la crisi e che non hanno voce, se non quella che autorganizzandosi e lottando possono avere.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2021 alle 17:17 sul giornale del 20 ottobre 2021 - 380 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, comunicato stampa, Spazio Autogestito Arvultùra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cphw





logoEV
logoEV
logoEV