Ostra: in memoria di Nando Benarrivo, inaugurata una panchina al campo sportivo di Pianello

3' di lettura 18/10/2021 - Una panchina per ricordare Ferdinando “Nando” Benarrivo. In uno dei suoi luoghi preferiti, il campo sportivo di Pianello di Ostra, casa dell’Ostra Calcio. “A Nando Benarrivo, che ha trasmesso la passione per il pallone e un sano spirito sportivo a tanti ragazzi, sostenendo e animando tutte le attività della Società Sportiva Ostra Calcio.”

Sabato mattina un’intima cerimonia d’inaugurazione organizzata dalla società Ostra Calcio, presente con la dirigenza e la prima squadra, con la partecipazione della moglie Marinella e i due figli, Marco Giuseppe e Federica, gli amici di una vita e gli amici conosciuti strada facendo. A rendere omaggio all'indimenticato Nando anche il sindaco di Ostra, Federica Fanesi e l’assessore Alberto Agarbati. «Un gigante della storia calcistica gialloblu», lo ricordava così il presidente dell’Ostra Calcio, Fabio Tarantino il giorno della sua scomparsa. «Mi vengono in mente tanti aneddoti su Nando ma uno è rimasto impresso nella mia mente- il saluto del presidente- Era il dicembre 2019, cena sociale. Nando era già malato ma, come sempre, aveva voluto esserci. Era un periodo in cui il Consiglio dell’Ostra Calcio doveva decidere il futuro dei suoi giovani e c'era chi andava da una parte chi dall'altra. Quella sera decisi di avvicinarmi a Nando per chiedergli un consiglio. Lui me lo diede, anzi, mi diede una vera e propria soluzione ed io da quel dialogo ebbi la sensazione, una volta di più, di avere di fronte una persona giovane, nella testa e nello spirito, al servizio, da sempre, dei giovani».

Conclude: «Nando veniva al campo, si sedeva in mezzo ai due spogliatoi ed assisteva agli allenamenti dei bambini e dei ragazzi e alle partite della prima squadra, lo conoscevano e lo rispettavano tutti, amici e avversari. Ecco il perché della panchina per la quale ringrazio Gabriele Cerigioni, Antonio e Marco Albani.» Nando, brindisino di nascita, ostrense d'adozione, è stato per Ostra, per lo sport cittadino e per il calcio regionale un punto di riferimento, un esempio. «Ringrazio Fabio e la società per il pensiero, si capisce che non è un atto dovuto, ma voluto.- la gratitudine del figlio Marco- Nell’Ostra Calcio mio padre ha ricoperto tutti i ruoli, da magazziniere a presidente, dando il suo contributo nello scrivere l'enorme storia di questa società. Spero che la panchina possa trasmettere tutto ciò che ha rappresentato mio padre per ritornare ai fasti di un tempo; mi auguro che i ragazzi ne traggano energia e riportino i colori dell’Ostra in alto e so che questo accadrà.»

«Nando non avrebbe mai immaginato una cosa del genere quindi grazie di cuore.», il ringraziamento della moglie Marinella. «Un gesto simbolico ma concreto grazie alla società Ostra Calcio.- l'omaggio del sindaco di Ostra Federica Fanesi- Un uomo che ha passato la vita spendendosi per i giovani ed è giusto che abbia un ricordo nel luogo a lui più caro, nel luogo in cui si sentiva a casa.» “Dagli anni ‘80 e per circa venticinque anni non c'è stato un giovane calciatore ostrense che non sia passato sotto il suo sguardo, che non abbia ricevuto un consiglio e magari, qualche volta, anche un bonario rimprovero. È lui che ha inculcato la passione per il calcio e un sano spirito sportivo in centinaia di ragazzi di Ostra”, scriveva così, ricordandolo, Bruno Landi nel suo libro “Il pallone racconta” dedicato alla storia dell’Ostra Calcio. E proprio Landi ha voluto concludere il giro degli interventi prima della benedizione della panchina da parte di Don Giuseppe Giacani: «Nando ha creduto nel calcio ostrense, soprattutto nel settore giovanile al quale ha dato molto ed è giusto che i giovani lo sappiano. È stato un bravo condottiero.»








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2021 alle 10:53 sul giornale del 19 ottobre 2021 - 570 letture

In questo articolo si parla di sport, Ostra Calcio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coYC





logoEV
logoEV
logoEV