Una giornata a Serra Sant’Abbondio, alla scoperta delle sue emergenze ambientali e storico-culturali con Gsa

1' di lettura Senigallia 17/10/2021 - Domenica 24 ottobre trascorreremo una giornata nel comune di Serra Sant’Abbondio, un piccolo paese alle pendici sud-orientali del Monte Catria, alla scoperta dei suoi gioielli naturalistici e storico-culturali meno conosciuti e più curiosi ed interessanti.


Al mattino effettueremo una breve e facile escursione fino alla Grotta di San Pier Damiani, un antro non molto lontano dal Monastero di Fonte Avellana, dove, secondo la tradizione, il santo si recava in ritiro solitario per lunghi periodi di preghiera e meditazione. Seguiranno una visita a ciò che resta dell’antico castagneto ed all’arboreto del monastero dove spicca la presenza del famoso tasso millenario, uno degli alberi monumentali più antichi ed importanti delle Marche.

Nel pomeriggio ci sposteremo nella frazione di Pretare per visitare la Madonna del Grottone. Come indica lo stesso nome, si tratta di un’ampia cavità naturale da tempo adibita, tradizionalmente, al culto della Madonna. Il sito è facilmente raggiungibile tramite una lunga scalinata scavata nella roccia, sempre ben mantenuta e curata.

Seguiranno la visita alla Cripta di San Biagio e alla Chiesuola della Canale a Serra Sant’Abbondio. La Cripta di Biagio rappresenta un raro esempio di architettura paleocristiana, la cui costruzione, pur con qualche incertezza, si fa risalire ad un’epoca anteriore all’età carolingia (VII – VIII secolo). La chiesuola, una costruzione in apparenza molto modesta, riserva all’interno intense suggestioni essendo interamente affrescata.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2021 alle 21:09 sul giornale del 18 ottobre 2021 - 277 letture

In questo articolo si parla di attualità, Gruppo Società e Ambiente, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coVe





logoEV
logoEV
logoEV