Paradisi denuncia: "La ASUR non garantisce le visite sportive"

1' di lettura Senigallia 14/10/2021 - Ci risiamo. Asur non garantisce ancora una volta le visite di idoneità medico-sportiva che i ragazzi minorenni hanno diritto ad ottenere gratuitamente. Mi sono recato al Cup e mi è stato risposto che non è nemmeno possibile procedere ad una prenotazione nei prossimi mesi in quanto fino a gennaio non ci sono posti e non è stato ancora licenziato il calendario visite per i mesi successivi.

Una massa indefinita di giovani deve dunque o rinunciare a fare sport agonistico o rivolgersi ai privati con costi per molti proibitivi. Ancora una volta non si riesce a comprendere che il servizio va gestito diversamente in quanto è di tutta evidenza che oltre l'80% delle visite medico-sportive si concentra tra i mesi di agosto e ottobre, quando riprendono le attività sportive. Per chi inizia un'attività agonistica è finanche ovvio che la visita si prenota nelle settimane di avvio dell'attività. Ma anche chi era già in attività agonistica, nella maggior parte dei casi, si vede scadere la validità della visita tra agosto e novembre.

Non sarebbe difficile pensare a incrementare le ore di attività dei medici Asur nei primi mesi della stagione sportiva per poi ridurle nei mesi successivi. Ma, ancora una volta, lo sport è messo in terzo piano, quasi fosse un campo di nessun interesse per la politica. Quel che resta è un disservizio gravissimo di cui fanno le spese i nostri ragazzi e le famiglie meno abbienti.


da Roberto Paradisi
Portavoce "Unione Civici Marche"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2021 alle 10:11 sul giornale del 15 ottobre 2021 - 248 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coiJ





logoEV
logoEV