Perché l'entusiasmo su Dogecoin è già finito?

4' di lettura Senigallia 01/08/2021 - Sono ormai diversi anni che le criptovalute hanno conquistato una grande notorietà: il boom del Bitcoin del 2013 (e poi quello clamoroso del 2017) hanno acceso i riflettori su questa particolare tipologia di asset.

Il mondo delle monete virtuali è molto più popolato di quello che si possa pensare ed essendo un mercato abbastanza giovane è ancora molto irrequieto.

Negli ultimi mesi si è parlato molto dei Dogecoin: da dicembre 2020 il suo valore è cresciuto dell'11000%, arrivando ad essere una delle criptomonete più importanti per capitalizzazione. Ultimamente però le cose sembrano cambiate: il prezzo della moneta virtuale ha iniziato un lungo e costante calo che nella seconda metà di giugno lo ha portato a 0,19 dollari. È già finito l'entusiasmo?

L'impressionante ascesa del Dogcoin

La storia dei Dogecoin è abbastanza curiosa: sono stati creati nel 2013 come uno scherzo, una sorta di parodia delle criptovalute che in quel periodo stavano acquisendo sempre una maggiore popolarità. I suoi ideatori, Billy Markus e Jackson Palmer forse non immaginavano che la loro creatura-meme avrebbe attirato l'attenzione anche di un certo signor Elon Musk.

In realtà il primo importante slancio è arrivato quando i trader che utilizzavano l'applicazione di trading Robinhood hanno spinto la sua quotazione dopo il blocco delle azioni GameStop. Da quel momento la moneta che ha come simbolo un cane Shiba Inu è balzata agli onori della cronaca. Per sapere come acquistare Dogecoin è possibile leggere la guida presente su Criptovalute24.com che spiega in modo chiaro quali sono le operazioni da eseguire per comprare questa criptomoneta.

Poi sono arrivati i tweet del patron di Tesla, che hanno ulteriormente accresciuto la fama (e di conseguenza il valore) della criptovaluta nata per scherzo. La spinta di Musk ha permesso al Dogecoin di raggiungere a maggio 2021 una quotazione di 0,76 dollari e di sfiorare una capitalizzazione di 95 miliardi di dollari. Ma poi qualcosa è cambiato.

Il crollo improvviso: è la fine per la cripovaluta?

Nonostante l'ingresso di Dogecoin sulla piattaforma Coinbase Pro, la quotazione della criptovaluta è in costante calo: in circa un mese la quotazione è passata da 0,76 a 0,21 dollari, dopo aver toccato un minimo di 0,19. Sui siti specializzati si legge che la capitalizzazione è crollata da 95 miliardi a 28 miliardi: si parla di circa il 75% in meno.

Ma cosa è successo? Perché c'è stato un calo così drastico e veloce? Il calo dell'entusiasmo da parte degli investitori è notevole. I tweet di Elon Musk hanno avuto un peso sempre minore (a parte quello in cui definiva il Dogecoin come un “casino”, che ha causato perdite importanti) e poi c'è stato il lancio del Baby Doge.

Gli ex fan di Dogecoin non sono rimasti fermi e a giugno hanno lanciato una nuova criptovaluta. Si tratta di una sorta di spinoff del Dogecoin originale, dal quale si distingue per una velocità di transazione maggiore ad un costo più basso. Ovviamente il signor Musk è intervenuto anche sul Baby Doge, causando un apprezzamento superiore al 700%.

Si può puntare ancora sul Dogecoin?

Il patron della Tesla ha affermato che se il Dogecoin avesse apportato le modifiche che sono state introdotte con i Baby Doge, a quest'ora sarebbe una delle valute virtuali più importanti. Festa finita per quella che viene spesso chiamata meme-coin? I numeri attuali sono impietosi, ma quando si parla di criptovalute è davvero difficile dare dei giudizi definitivi.

Di sicuro parliamo di una valuta virtuale speculativa, con un livello di rischio medio/alto ed una volatilità molto elevata. Sono caratteristiche adatte per chi vuole investire a breve termine e per il trading in CFD. Investire nel Dogecoin in un'ottica di lungo periodo non è vietato, ma considerando l'andamento attuale e l'incertezza sulla finalità della moneta stessa, un approccio del genere viene considerato un po' troppo rischioso.






Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2021 alle 05:12 sul giornale del 02 agosto 2021 - 865 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cbxe





logoEV
logoEV
logoEV