Impianti, verso una svolta per semplificare la formazione degli installatori di impianti alimentati da rinnovabili

Caldaia 2' di lettura Senigallia 20/05/2021 - Si riaccende la speranza di semplificare l’iter formativo per gli installatori e manutentori di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili (caldaie, caminetti e stufe a biomassa, sistemi solari fotovoltaici e termici, sistemi geotermici a bassa entalpia e pompe di calore).

“Grazie al pressing esercitato da Confartigianato Impianti - riferisce Luca Bocchino, Responsabile Sindacale Confartigianato Ancona - Pesaro e Urbino - nella legge di delegazione europea 2019-2020 è stato previsto che, nel recepimento della direttiva europea 2018/2001 sulla promozione dell’uso delle energie rinnovabili, vi sia il mandato legislativo per riordinare e semplificare l’attuale normativa sulle procedure di qualificazione degli installatori di impianti FER, prevedendo che la qualificazione professionale sia conseguita con il possesso dei requisiti tecnico-professionali di cui al D.M. 37/08”.

Si potrebbe così risolvere un pasticcio normativo che il settore subisce da oltre 10 anni, da quando con il decreto legislativo 28/2011, è stato introdotto un sistema di qualificazione per gli operatori. Da allora gli imprenditori cercano di orientarsi tra il continuo equivoco circa la necessità della formazione abilitante (in realtà non necessaria) e i percorsi di aggiornamento triennale. A complicare il quadro vi è la ripartizione delle competenze tra lo Stato e le Regioni e, poiché la formazione è materia di competenza esclusiva delle Regioni, queste ultime hanno potuto legiferare in materia, con il risultato di un recepimento della norma nazionale disomogeneo sul territorio nazionale.

Questo ha generato una situazione di disparità tra gli imprenditori che, pur riconoscendo il valore della formazione, in assenza di controlli e di una norma che preveda la pubblicità dell’assolvimento di tale adempimento, si sono sentiti vessati.

“In questi anni – dichiara ancora Bocchino – abbiamo organizzato oltre 20 corsi per Installatori FER nelle province di Ancona e Pesaro e Urbino, molti dei quali autorizzati online dalla Regione in virtù della pandemia. Abbiamo richiesto a gran voce il riordino del quadro normativo e comunque di dare almeno visibilità dell’attività formativa svolta dagli imprenditori nel certificato camerale. Per anni la risposta è stata purtroppo sempre negativa a causa di un mancato mandato legislativo. Oggi, finalmente, abbiamo la possibilità di semplificare e armonizzare l’apparato normativo e consentire di lavorare in serenità agli imprenditori del settore degli impianti più evoluti”.


da Confartigianato Imprese
Ancona - Pesaro e Urbino





Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 20-05-2021 alle 16:26 sul giornale del 21 maggio 2021 - 279 letture

In questo articolo si parla di lavoro, confartigianato, imprese, urbino, ancona, pubbliredazionale, pesaro, manutenzione, pesaro e urbino, caldaia, confartigianato imprese, installazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b3O3





logoEV
logoEV
logoEV