Attivista no global condannato per ingiurie verso Roberto Paradisi

roberto paradisi 1' di lettura Senigallia 11/05/2021 - Una multa da 800 euro, più 3 mila euro di risarcimento danni (ma solo quale acconto “provvisionale”) in aggiunta a oltre 3 mila euro di spese legali. E' questa la sentenza emessa martedì mattina dal Tribunale di Ancona per il reato di diffamazione aggravata compiuto da un militante del centro sociale “Arvultura” nei confronti di Roberto Paradisi.

"Secondo il coraggioso attivista, ignoti, all'interno del centro sociale (quello affittato ad equo canone agli ultrà di estrema sinistra) avrebbero utilizzato il suo profilo per attaccare in modo scriteriato e volgare il sottoscritto nell'aprile del 2017 in occasione di una mia polemica con l'allora assessore Girolametti -scrive Paradisi sulla sua pagina Facebook- Tale tesi era ed è inverosimile: se davvero ignoti avessero acceduto al suo profilo social avrebbero commesso almeno tre reati: accesso abusivo a sistema informatico, violazione della corrispondenza e della privacy e sostituzione di persona. Ho sempre accettato sportivamente critiche anche asprissime nell’ambito del dibattito politico ma non ho mai abbassato la guardia nei confronti di chi utilizza l’ingiuria volgare, l’invettiva personale e l’attacco alla moralità o professionalità delle persone perché incapace di civile dialettica politica. E tale incapacità, purtroppo, si trova tristemente a tutte le latitudini. Devolverò la somma del risarcimento danni in favore della pratica sportiva per le famiglie meno abbienti, così trasformando l'odio e la maleducazione in "farmaco" benefico per chi ha meno possibilità".






Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2021 alle 11:22 sul giornale del 12 maggio 2021 - 1247 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, l, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2Am