Il Presidente Bello sulle scritte contro Liverani, Montesi e Da Ros: "Gesto esecrabile"

2' di lettura Senigallia 20/04/2021 - "La Presidenza del Consiglio di Senigallia esprime piena solidarietà ai Consiglieri Da Ros, Montesi e Liverani, e condanna la condotta esecrabile di chi ha volgarmente ingiuriato e minacciato con appellativi indecenti i componenti eletti del Consiglio. Denigrare ed offendere le istituzioni è inaccettabile".

Con una nota alla stampa il Presidente del Consiglio Massimo Bello interviene sull'episodio esecrabile, che ha coinvolto i tre Consiglieri di Fratelli d'Italia, che compongono la maggioranza di governo, che sostiene la Giunta Olivetti, "invitando tutti ad abbassare i toni, anche e soprattutto - dice il Presidente Bello - in prossimità di ricorrenze, che ricordano eventi e fatti storici, che caratterizzano la storia della comunità nazionale".

"Il gesto grave non fa certo onore a chi lo ha compiuto - si legge nella nota della Presidenza - perché, con queste modalità, si disprezzano le istituzioni democratiche, il loro valore e la Festa della Liberazione dal nazifascismo, che tra qualche giorno, covid permettendo, l'Amministrazione comunale celebrerà. Episodi del genere inducono a pensare che educazione, civiltà e rispetto, anzitutto, non siano ancora patrimonio di tutti". Il Presidente Bello ricorda che "approssimandosi il 25 aprile, dobbiamo essere coscienti e consapevoli che, oltre alle parole, sia giusto percorrere la via dei fatti - si legge sempre nella nota - e considerare in modo più consono e più serio il significato di date così importanti per la nostra Repubblica e per la Storia d’Italia".

"Il 25 aprile è e deve essere patrimonio di tutti, di tutta la comunità. Chi ha espresso il suo pensiero in questo modo, non aiuta - aggiunge il Presidente del Consiglio di Senigallia - a ricordare con rispetto e le gesta e le azioni di quanti sacrificarono anche la loro vita per valori quali la Libertà, l'Onore, la Democrazia e i Diritti fondamentali sanciti nella nostra Costituzione". Le mani di chi ha imbrattato quei muri con quegli appellativi indecorosi e indegni, velatamente minacciosi, si sono macchiate di una ulteriore colpa, cioè quella di non aver compreso appieno quanto in realtà accadde durante la Liberazione, in cui l’Italia tornò finalmente libera e democratica".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2021 alle 14:51 sul giornale del 21 aprile 2021 - 603 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, politica, senigallia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bYws





logoEV
logoEV