Malerba: ''Tutto chiuso, ma in aereo continuiamo ad ammassarci come sardine"

1' di lettura Senigallia 15/04/2021 - Il 12 aprile per motivi di lavoro ho preso un aereo da Roma per Lamezia Terme di Alitalia. Quello che ho trovato a bordo parla da solo.

Chiudiamo qualsiasi cosa, ristoranti, bar, teatri e chi ne ha più ne metta e poi dopo aver messo la massima attenzione per evitare di essere contagiato o contagiare mi ritrovo in un aereo con più di 100 persone, senza distanziamento, tutti ammassati uno attaccato all altro.

La mia non è polemica nè presa di posizione politica, ma trovo assurdo che accadano queste situazioni.

Si potrebbero usare aerei più grandi con file da tre in modo che il metro di distanza sia rispettato. Per ottimizzare si rischia di creare situazioni di focolai e contagi.

Mi sposto per esigenze di lavoro e non certo per turismo e preferirei che lo Stato che è partecipe nella compagnia di bandiera mi tuteli e non predichi bene e razzoli male.

Per salire a bordo non ho dovuto fare il tampone o altro. HO solo dovuto compilare la solita autocertificazione.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2021 alle 11:21 sul giornale del 16 aprile 2021 - 874 letture

In questo articolo si parla di attualità, nicola malerba, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXB0





logoEV