Il vice sindaco Pizzi sulla merenda al parco vietata: "Volevamo far vivere ai bambini un momento di serenità"

Riccardo Pizzi 1' di lettura Senigallia 12/04/2021 - Dopo quanto accaduto al Parco della Pace, ritengo doveroso esprimermi in quanto amministratrore di questa città e padre della bambina coinvolta.

Premetto che i principi a cui mi sono sempre ispirato sono stati, e continueranno ad esserlo, la trasparenza, l'onestà, il rispetto di tutte le persone. Durante la zona rossa in molti mi hanno chiesto se era possibile o meno andare nei parchi e giardini pubblici ed a tutti ho risposto che ciò era possibile solo se abitavano in prossimità delle aree verdi, come prevedeva la normativa nazionale.

Il compleanno di mia figlia è stato due giorni dopo la riapertura della scuole ed il ritorno in zona “arancione”, con conseguente possibilità per tutti di stare nei parchi e giardini. Preciso che la scuola materna di mia figlia è prospiciente al Parco della Pace, alle 16 del pomeriggio all'uscita della scuola i bambini si sono fermati per condividere una merenda. Si trattava degli stessi bambini che fino a pochi minuti prima giocavano insieme nel giardino della scuola. Gli adulti presenti erano tutti con la mascherina e distanziati tra loro e quindi nessun assembramento.

Lo spirito che ci ha guidato è stato quello di dare ai nostri piccoli bambini un momento di serenità e di vicinanza dopo che hanno passato intere settimane chiusi nelle loro case. Sono profondamente dispiaciuto e mi scuso con tutti, se quanto accaduto ha favorito interpretazioni tendenti a dipingermi come “negazionista”, cosa assolutamente falsa. Sono convinto che la pandemia ha profondamente minato lo stato di salute di tantissime persone ed è pertanto necessario adottare tutte le misure stabilite per superare questo triste periodo.


da Riccardo Pizzi
Vicesindaco di Senigallia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2021 alle 00:02 sul giornale del 13 aprile 2021 - 3245 letture

In questo articolo si parla di politica, Riccardo Pizzi, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bWYG





logoEV
logoEV
logoEV