Sino all'8 marzo, campagna informativa dell'Associazione Stampa Romana sulla parità di genere nell'informazione

2' di lettura Senigallia 05/03/2021 - Alcuni dei temi toccati nella campagna della Commissione Pari Opportunità dell'Associazione Stampa Romana per la Giornata internazionale della Donna, campagna partita giovedì 4 e che terminerà lunedì 8 marzo (con al centro la pubblicazione di video con le giornaliste come protagoniste) ci pongono domande serie sull'effettiva capacità del sistema sociale, e politico, italiano non diciamo di realizzare. ma almeno di avviare, nell'informazione, una vera parità di genere.

Ci si domanda infatti, sottolinea Silvana Mariangela Aversa, Presidente Commissione Pari Opportunità dell'ASR, ancora se, nell'Italia del 2021, sono possibili modalità lavorative diverse per conciliare meglio lavoro e famiglia. E poi, prosegue la giornalista, "Quante sono le giornaliste che arrivano a ricoprire i vertici nella nostra professione?...Quante molestie ancora nelle redazioni? Quante giovani colleghe sono abbandonate a sé stesse?".

Poi, ancora sussistono fenomeni come "La precarietà, la vergogna di chi percepisce 7 euro lordi (meno di un'ora di lavoro di una Colf, N.d.R.) per scrivere un pezzo per un quotidiano nazionale e non può nemmeno denunciarlo liberamente, perché di quella cifra sopravvive. Il tema della parità salariale. Il lavoro sempre più fragile per le donne e spesso più esposto al ricatto economico e sessuale".

"Non è stato facile trovare colleghe disposte a parlare", ammette la Aversa, "ci sono state difficoltà e timori. Pertanto un ringraziamento particolare oltre che affettuoso va alle colleghe che hanno contribuito alla realizzazione della campagna. Come Cpo non abbiamo alcun intento di dire una parola definitiva sugli argomenti ma di dare impulso a una riflessione e all'apertura di una discussione con tutte/i le/i colleghe/i. Se la pandemia ha ridisegnato le nostre vite e cambiato radicalmente il modo di lavorare, il Covid-19 non ha ridotto semmai ha accentuato le barriere culturali, sociali ed economiche con cui noi donne facciamo i conti tutti giorni". Dunque, concude Silvana Mariangela Aversa, "Un otto marzo non da celebrare, ma un otto marzo per riflettere sul nostro presente e sul nostro futuro".

Il primo video su Smart working è già disponibile sulla pagina Facebook di Stampa Romana






Questo è un articolo pubblicato il 05-03-2021 alle 10:44 sul giornale del 06 marzo 2021 - 141 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRa7





logoEV