I NAS saranno la rivoluzione?

2' di lettura Senigallia 01/03/2021 - Il NAS è un dispositivo che viene acquistato e utilizzato da utenti privati o aziendali come personal cloud o server aziendale. Il NAS è fondamentalmente un dispositivo che permette una connessione ad internet ad un semplice hard disk. Andiamo a capire più nel dettaglio come funziona questo potentissimo strumento.

Il Nas, o personal cloud, si può essere considerato come un piccolo server domestico in cui si possono immagazzinare, file, musica o immagini esattamente come in un normale hard disk. La peculiarità è il fatto di poter essere accessibile da qualsiasi dispositivo come i principali servizi di cloud. Il personal cloud si posiziona vicino al router domestico, a cui si attacca un cavo ethernet per poter garantire una connessione sempre stabile ed efficiente al sistema di upload e download. La piattaforma con cui si andrà ad interagire per poter usare o visualizzare i file varia in funzione della marca che andiamo a scegliere per il Nas: se per esempio si sceglie un nas della WD utilizzeremo il software My Cloud home disponibile sia su app per IOS e android, che come area personale all’interno del sito, e quindi accessibile da ogni computer. I Nas hanno costi di per sé elevati in confronto ai normali hard disk e spesso all’interno non contengono degli hard disk interni e dunque vanno acquistati separatamente. Un’altra importante caratteristica nei Nas risiede nella scelta tra dispositivi con uno o più alloggiamenti per hard disk interni.

La scelta ricade su un profilo di durabilità nel tempo. Un Nas con un solo alloggiamento non sarà coperto da un backup in caso di danneggiamento del disco, che è esattamente il ruolo del secondo alloggiamento. Precisando meglio se un Nas con un solo hard disk in cui vengono collocati tutti i file di una vita dovesse subire dei danni a causa di una caduta per esempio, non vi sarebbe nessuna copia di riserva e tutto andrebbe perduto. È un’ipotesi improbabile ma possibile. Il vantaggio di avere due hard disk è che se acquistati con una capacità notevole e proporzionale all'immagazzinamento che andremo a fare, saremmo apposto per un bel po’ di anni, e soprattutto non vi sarebbero quei vincoli con cloud esterni che richiedono piccole somme di denaro mensilmente ma che a lungo andare diventano cifre importanti.

Per concludere acquistare un Nas domestico è assolutamente un buon investimento per poter garantire “un’indipendenza” dalle grandi compagnie di cloud storage.






Questo è un articolo pubblicato il 01-03-2021 alle 19:30 sul giornale del 01 marzo 2021 - 14 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQxT





logoEV
logoEV
logoEV