Processionaria del pino: inizia il periodo ottimale per la lotta obbligatoria

2' di lettura Senigallia 09/02/2021 - La lotta alla processionaria è obbligatoria su tutto il territorio nazionale ed è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 30 ottobre 2007, perché la presenza dell’insetto può minacciare seriamente la salute delle persone o degli animali o la sopravvivenza del popolamento arboreo.

Il pericolo è rappresentato dai peli urticanti che ricoprono il corpo della processionaria:questi peli vengono rilasciati nell'aria dal bruco e la loro forma uncinata gli permette di agganciarsi alla vittima provocando reazioni cutanee, alle mucose, agli occhi e alle vie respiratorie.
La tipologia di pianta più colpita è il pino (in particolare il pino nero e il pino silvestre), ma è comune trovare infestazioni anche su conifere di altre specie.

Le azioni di lotta alla processionaria del pino durante il periodo invernale (indicativamente da dicembre a marzo) sono più efficaci, in quanto è il periodo in cui ci si accorge maggiormente della presenza dell’insetto. In inverno sono ben visibili sulla chioma degli alberi infestati, soprattutto nelle porzioni esterne, i grossi nidi bianchi dalla forma sferica formati dalle larve (assomigliano a grandi batuffoli di cotone bianco sulla punta esterna dei rami più alti dell'albero).

Cosa fare se si avvista un nido di Processionaria del Pino:

se l'albero infestato si trova in un'area verde pubblica, occorre effettuare una segnalazione dettagliata all’Ufficio Ambiente del Comune di Senigallia (071 6629424);

se l'albero infestato si trova in un'area verde privata, occorre informare il proprietario affinché elimini l'infestazione provvedendo alla bonifica delle piante interessate.

Una volta individuati i nidi è necessario tagliare i rami della pianta interessati dall'infestazione e distruggerli; essendo questa operazione pericolosa perché i nidi si trovano collocati nella parte alta della chioma degli alberi, difficilmente raggiungibili senza un mezzo adeguato, è consigliato affidare l'intervento a ditte specializzate.

Occorre ricordare che, anche se le larve sono all'interno dei nidi, è necessario operare con la massima cautela adottando adeguate misure protettive per la pelle, il viso e gli occhi. La distruzione col fuoco dei nidi non è consigliabile perché può disperdere i peli urticanti nell'aria; è preferibile immergere i nidi in acqua bollente saponata.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-02-2021 alle 13:07 sul giornale del 10 febbraio 2021 - 2308 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNdo





logoEV
logoEV
logoEV