Fermo: L'esempio di Giuseppe: padre e onesto artigiano. Un anno con lui

1' di lettura Senigallia 21/01/2021 - L'anno 2021 sarà l' “Anno Giuseppino”. L'anno per cui e in cui papa Francesco propone come modello san Giuseppe, il padre putativo di Gesù. Con questa iniziativa, il Pontefice intende sottolineare e rilanciare con forza il ruolo fondamentale della paternità (oggi tanto eclissatosi e pure tanto ricercato, basti vedere l'impegno preso, da qualche tempo, dai migliori psicanalisti italiani ed europei) e della famiglia anch'essa con profonde crepe. Contemporaneamente, Bergoglio vuole mandare un messaggio sul senso del lavoro, sulla sua qualità, sulla pazienza e sull'onestà, prsentando proprio l'immagine del falegname di Nazareth.

Su questa scia si è posta la Vicaria di Fermo (il complesso di parrocchie della città) e il convento dei padri cappuccini. Gli ordini conventuali del ramo francescano sono da sempre molto sensibili alla figura di san Giuseppe.

“Il mondo ha bisogno di padri” è il titolo di una serie di incontri mensili e di catechesi che si terranno presso la chiesa di San Giuseppe dei cappuccini di Fermo. S'inizia domenica 24 gennaio con il tema “Padre amato”, meditazione proposta da fra Andrea Spera. Il programma continuerà con: “Padre della tenerezza” di fra Giacomo Rotunno (domenica, 21 febbraio), “Padre nell'obbedienza” di fra Pietro Maranesi (domenica 21 marzo). Proseguiranno ad aprile, maggio, ottobre, novembre con i temi “Padre nell'accoglienza”, “Padre nel coraggio creativo”, “Padre lavoratore” e “Padre nell'ombra”. Un'ora di riflessione, dalle ore 17 alle 18, per conoscere, capire, seguire un grande Testimone.




adolfo leoni


Questo è un articolo pubblicato il 21-01-2021 alle 08:49 sul giornale del 22 gennaio 2021 - 171 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, adolfo leoni, san giuseppe, articolo, catechesi, Vicaria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bKrf





logoEV
logoEV