Paolinelli (MyFitnessClub): "Le chiusure non funzionano. Perchè non aumentiamo la sicurezza?"

2' di lettura Senigallia 20/01/2021 - Alla luce del nuovo DPCM palestre, piscine e centri sportivi non riapriranno nelle prossime settimane. Il mondo del fitness è tra quelli più penalizzati dalle chiusure totali delle attività che però sembra, da questo punto di vista, non dare i risultati sperati. Serve un cambio di rotta.

"Stiamo vivendo un'emergenza sanitaria che ancora vede pochi miglioramenti e non si può pretendere di tornare subito alla normalità. In quest'ottica allora mi chiedo se sia più utile chiudere tutto anziché solo alcune attività, considerano anche che, come dimostrano i dati, i risultati sperati con le chiusure praticate fino ad oggi non sono arrivati. E' evidente che c'è qualcosa che non va nella gestione delle chiusure -afferma Marco Paolinelli della MyFitnessClub- A cosa serve chiudere solo alcune attività se poi le altre vanno avanti, se il resto della movida più o meno prosegue? O chiudiamo tutto o non chiudiamo niente e cerchiamo piuttosto di aumentare i sistemi di sicurezza all'interno di ogni attività come d'altronde abbiamo fatto prima del 25 ottobre".

"Se poi dobbiamo chiudere per motivi di di salute pubblica, allora devono arrivare gli aiuti, quelli veri che ci permettono di sopravvivere adesso ma soprattutto di riaprire domani perchè il problema vero delle riaperture sarà come poterne sostenere i costi. Lo Stato deve assumersi la responsabilità delle chiusure non più erogando solo piccoli ristori, che per altro servono per pagare bollette e affitti, ma mettendo in campo un aiuto concerto per arginare almeno parte delle perdite che abbiamo avuto e che continueremo ad avere -aggiunge- Oltre a chiedere aiuti subito, occorre cominciare a pensare come aiutarci dopo, cosa ancora più importante. Non da ultimo la situazioni di noi amministratori e gestori delle palestre, piscine e centri sportivi che non percepiamo alcun tipo di sostegno economico. Le categorie come i collaboratori sportivi hanno ricevuto o riceveranno gli 800 euro, i dipendenti avranno la cassa integrazione (dico avranno perchè ancora non è arrivata) ma gli amministratori delle strutture come la mia non percepiscono alcun tipo di aiuto da tre mesi".






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2021 alle 16:14 sul giornale del 21 gennaio 2021 - 722 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJNt





logoEV
logoEV