Aggredì un anziano e due agenti della Municipale sul lungomare: prosciolto dopo i risarcimenti Angelucci

roberto paradisi 1' di lettura Senigallia 02/12/2020 - Si è chiuso martedì il processo contro Andrea Angelucci, figlio di un noto parlamentare e imprenditore che, nel luglio del 2017, aggredì sul lungomare di Senigallia un anziano disabile sferrandogli un pugno in faccia per una questione di precedenza automobilistica.

Oltraggiati, in quella circostanza, anche due agenti della Polizia Municipale intervenuti sul posto, entrambi difesi dall'avvocato Roberto Paradisi. Tutte le parti hanno trovato un accordo e si è giunti alle remissioni delle querele. Risarcito anche il Comune di Senigallia con una riparazione pecuniaria di 5 mila euro che verranno destinati al servizio strade. Preso atto dell'accordo, il giudice Cimini ha emesso la sentenza di assoluzione per Angelucci che era imputato dei reati di lesioni personali, danneggiamento, minacce, percosse, oltraggio a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le generalità alle autorità intervenute.

"Il comportamento dei tutori dell’ordine è stato impeccabile e professionale e i due agenti che ho patrocinato non si sono lasciati intimorire dall’atteggiamento allora assunto dall’imputato procedendo puntualmente nell’adempimento del proprio dovere -commenta l'avvocato Paradisi- Da questa vicenda occorre imparare da parte di tutti che oltraggiare e deridere le divise può e deve costare caro. E che nessuno si può porre al di sopra delle regole”.






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2020 alle 11:00 sul giornale del 03 dicembre 2020 - 1349 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEes





logoEV
logoEV