Piscina Saline chiusa, Molinello aperta ma inadeguata. "Scelta che lascia perplessi: dove sta la sicurezza per i nostri giovani atleti?"

1' di lettura Senigallia 25/11/2020 - Con stupore, ho appreso che, a discapito delle norme di sicurezza e di distanziamento che in ogni contesto cerchiamo di rispettare, l’Amministrazione comunale ha deciso di rendere disponibili gli spazi acqua dell'impianto del Molinello chiudendo la piscina delle Saline, unico impianto a Senigallia che offre garanzie e spazi adeguati all’emergenza Covid.

Oltre alla questione spazi (ingresso, spogliatoi, docce), la scelta della piscina del Molinello, risulta fortemente discriminatoria nei confronti degli atleti del nuoto sincronizzato, non essendo omologata per tale disciplina. Inoltre, nell'impianto del Molinello non esiste la possibilità di utilizzo di phon privati e, essendo vietato come norma anti-Covid l'utilizzo dei phon degli spogliatoi, questa mancanza strutturale, espone i ragazzi a rischi altissimi per la loro salute.

In una situazione di grave emergenza dovrebbe essere compito dell'Amministrazione comunale creare le condizioni di sicurezza migliori per dare la possibilità ai nostri giovani atleti di continuare regolarmente i loro allenamenti come indicato nel DPCM del 03/11/2020, preservando per quanto possibile, la piacevolezza di un momento di allenamento che ritengo indispensabile per la crescita psico-fisica equilibrata, soprattutto ora che si trovano a passare molto tempo in casa impegnati in attività sedentarie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2020 alle 15:40 sul giornale del 26 novembre 2020 - 735 letture

In questo articolo si parla di sport, lettrice Vs, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDpe





logoEV
logoEV
logoEV