Alopecia infantile: quali sono le cause e quali le possibili cure e trattamenti

4' di lettura Senigallia 22/10/2020 - Stai iniziando a trovare piccole ciocche di preziosi capelli da bambino qua e là? Il tuo piccolo potrebbe essere nato con la testa piena di folti capelli, ma ciò non significa che rimarrà così. Ecco cosa bisogna sapere riguardo alla calvizie infantile.

La caduta dei capelli nei neonati è normale e, in realtà, qualcosa che accade a quasi tutti i bambini a un certo punto. Ma non preoccuparti, non significa che il tuo bambino sarà calvo per sempre.

Potresti chiederti cosa potrebbe causare la caduta dei capelli del tuo bambino o cosa dovresti fare al riguardo. Troverai le risposte a tutte le tue domande proprio qui. Per saperne ancora di più puoi comunque seguire un blog sul trapianto dei capelli. Questo portale è uno dei punti di riferimento per chi vuole sapere tutti i segreti, le informazioni sulla perdita dei capelli e sul possibile trapianto.

Tornando ai bambini possiamo dire che la caduta dei capelli è perfettamente normale e spesso si verifica entro i primi sei mesi. Alcuni bambini perdono solo pochi fili alla volta, mentre altri potrebbero sviluppare punti calvi. Ma niente panico, le nuove ciocche del bambino dovrebbero ricrescere in pochissimo tempo.

La crescita dei capelli ha tipicamente due fasi. Uno di crescita e un altro periodo di riposo, chiamato anche telogen effluvium.

Mentre i capelli sono in fase di riposo, rimarranno inseriti nel follicolo. Man mano che i nuovi capelli iniziano a crescere, spingono fuori i vecchi, provocando la perdita di alcune ciocche.

La fase di crescita può durare circa tre anni e il riposo è generalmente di tre mesi.

In genere, i bambini non perdono troppi capelli in un sol colpo, ma i cambiamenti nel corpo possono far sì che molti capelli smettano di crescere tutti in una volta. Ecco quali potrebbero essere le cause dell’improvvisa perdita di capelli nei bambini molto piccoli.

Cambiamenti del corpo

Durante la gravidanza, i livelli ormonali sono alti. E il tuo bambino subirà gli effetti di questi cambiamenti, soprattutto durante gli ultimi mesi della gravidanza, poco prima di nascere.

Tuttavia, subito dopo la nascita, quei livelli ormonali diminuiscono. Ciò si traduce in alcuni cambiamenti, uno dei quali è un arresto improvviso della crescita dei capelli. Quindi, quando inizia la nuova fase, questi vecchi capelli cadono.

Ciò potrebbe accadere in qualsiasi momento dopo il primo mese. E, sfortunatamente, non c'è modo di evitarlo.

Quando il tuo bambino diventa un po’ più grande, potrebbe iniziare a tirarsi i capelli. Alcuni bambini lo fanno quando sono stanchi o turbati. Potrebbero tirare, tirare o roteare piccole sezioni, provocando così la formazione di zone calve.

Un'infezione fungina potrebbe anche essere la causa della caduta dei capelli del tuo bambino. Potresti notare alcune macchie rosse o persino un anello, oppure l'area potrebbe essere rossa e irritata. Sebbene innocua per il tuo bambino, l'infezione fungina come la tigna può essere molto contagiosa.

Alopecia areata

A volte, il sistema immunitario attacca effettivamente i follicoli piliferi. Questo provocherà macchie o zone calve dove la pelle è molto liscia. Questa è una condizione nota come “alopecia areata”.

I follicoli rallentano la produzione, facendo crescere i capelli in modo eccezionalmente lento. La condizione è più comune nei bambini più grandi, ma può colpire anche i neonati.

Se noti che il tuo bambino ha zone calve molto lisce, sarebbe meglio contattare un pediatra. L'alopecia areata si risolverà da sola nella maggior parte dei casi.

Altrimenti, il pediatra di tuo figlio prescriverà un unguento o un trattamento per aiutare i capelli a crescere. Ma non è solo questa la causa per la perdita dei capelli di un bambino ma ce ne sono tante altre e un esempio è la tricotillomania che consiste in quella brutta abitudine che hanno a volte i bambini nel tirarsi i capelli e le conseguenze sono che potrebbero spezzarsi e in più si possono creare chiazze del cuoio capelluto.

Come rassicurazione possiamo dire che spesso questi problemi si risolvono in maniera spontanea ma è sempre meglio consultare un dermatologo pediatrico e inoltre ricordiamo che è molto importante prendersi cura dell’alimentazione:infatti ci sono alcuni minerali come magnesio, zolfo,rame, zinco e ferro che si trovano in tanti cibi e che possono risultare benefici.






Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2020 alle 14:28 sul giornale del 22 ottobre 2020 - 28 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzFX





logoEV
logoEV
logoEV