Al via i lavori per il nuovo Ponte 2 Giugno: ruspe in azione il 5 ottobre

2' di lettura Senigallia 18/09/2020 - Prenderanno avvio il prossimo 5 ottobre i lavori di demolizione e ricostruzione di Ponte 2 Giugno che collega il corso a via Carducci e al rione Porto.

Venerdì mattina il vice sindaco Maurizio Memè e l'assessore al commercio Ludovica Giuliani hanno incontrato le associazioni di categoria dei commercianti per illustrare le modalità di svolgimento dei lavori che, inevitabilmente, comporterà anche alcune modifiche alla viabilità.

“Il progetto così come i lavori sono in capo al Consorzio di Bonifica Marche così come stabilito dalla Regione che ha stanziato circa 2 milioni e mezzo di fondi per l'opera -ha spiegato il vice sindaco Memè- i lavori si concluderanno tra il 10 e il 20 di dicembre. Il cantiere sarà modulare, procederà per step, ma ovviamente, durante tutta la durate dei lavori il collegamento tra corso 2 Giugno e via Carducci inevitabilmente cambierà. I due passaggi possibili saranno quelli attraverso ponte Garibaldi e porte Perilli. Tutti gli ulteriori dettagli sul fronte della viabilità saranno forniti nelle prossime settimane”. Dopo vari progetti rivisti e rivisitati, finalmente il cantiere sta per partire. Dal ponte a campata rovesciata, che aveva suscitato le critiche di cittadini e anche dello stesso sindaco Mangialardi, all'ipotesi subito scartata dallo stesso primo cittadino di un ponte senza campata ma di colore rosso per via del materiale usato quale il corten, si è arrivati alla versione definitiva, proposta sempre dal consorzio di Bonifica Marche e che è piaciuta anche all'Amministrazione uscente. Il Ponte non avrà la campata e avrà le “spallette” in acciaio e si presenterà esteticamente bianco, e molto simile nella forma a quello attuale. Completamente diversa però sarà la funzionalità strutturale.

Il ponte è stato chiuso al transito veicolare ormai da 4 anni perchè ritenuto inagibile e anche ridotto nella capienza lasciando il passaggio solo ai pedoni. Oltre ai problemi di staticità il vecchio ponte, per via della conformazione delle pile in alveo, creava problemi di “intasamento” in caso di piene del fiume Misa. Il nuovo ponte non le prevede più e questo ridurrà notevolmente il rischio di esondazioni in caso di piene. Il ponte sarà completamente demolito e ricostruito anche se la Soprintendenza ha posto come vincolo quello del recupero delle balaustre per un'impronta storica. Subito dopo la demolizione verranno rifatte le spallette sulle quali verrà saldato poi il nuovo ponte in acciaio. La struttura sarà quindi assemblata sul posto e come ultimo step saranno allacciati i sottoservizi. Tecnicamente il ponte potrà essere percorso anche dalle auto anche se la scelta di confermare la pedonalizzazione del ponte 2 Giugno è stata confermata, anche durante il confronto organizzato da Vivere Senigallia, da tutti e 7 i candidati sindaco.






Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2020 alle 23:45 sul giornale del 19 settembre 2020 - 4721 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwtc





logoEV