x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
Spazio elettorale autogestito

Sostenere le persone con disabilità nei loro percorsi di vita: leggi le proposte della lista Vola Senigallia

3' di lettura
373

da Lista civica Vola Senigallia
 


Senigallia ha una lunga tradizione di interventi nel campo del sostegno alle persone con disabilità e alle loro famiglie. Seppure con risorse pubbliche per il welfare sempre più scarse, oggi Senigallia è dotata di una gamma di servizi molto articolata, dai servizi domiciliari, all’integrazione lavorativa, ai servizi per il tempo libero e quelli socio-educativi diurni e residenziali, anche grazie al lavoro di rete che è cresciuto negli ultimi anni. Tuttavia, ci sono ancora molti passi da fare, visto che sono aumentate nel tempo le sfide.

  • Il cosiddetto “Dopo di noi” rappresenta una sfida duplice per i prossimi anni; da un lato, per le persone con disabilità gravi, che rischiano di trovarsi prive di una rete familiare perché i genitori sono troppo anziani; dall’altro, per molte persone con disabilità più lievi o con problemi puramente fisici ma intellettivamente sani, che debbono avere il diritto di poter vivere a pieno la loro vita, autonoma e autodeterminata per quanto possibile, come cittadini adulti o come giovani desiderosi di fare le stesse esperienze e avere pari opportunità rispetto ai “normodotati” magari con un supporto “educativo leggero” o di tipo più assistenziale. Rispetto al tema del “Dopo di noi” sono già attive esperienze innovative e sperimentali nel nostro territorio accolte con entusiasmo dai diretti interessati; tuttavia, le risposte non ancora sufficienti rispetto ai bisogni e, pertanto, vanno potenziate ed in parte rivisitate, alla luce delle continue innovazioni sociali in questo campo, al fine di garantirne la continuità e ancor più una fattiva efficacia degli interventi.
  • Occorre continuare a concentrare l’attenzione su tutte le fasi della vita delle persone disabili, dall’infanzia, potenziando o incentivando il discorso diagnosi e terapie (anche intensive, quando necessario) e precoci, fino all’adolescenza per sostenere anche i ragazzi con disabilità in questa fase molto delicata della vita per essere poi persone in adultità più capaci di decidere della propria persona e partecipare ai servizi e alla vita di comunità.
  • Anche il tipo di approccio che si vuole dare alla disabilità è importante e non va sottovalutato. Ad oggi, nonostante l’ICF (2001), la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (2006), che parlano di approccio “bio psico sociale” per la disabilità, è ancora fortemente diffuso il classico “modello medico”, che vede la disabilità come un problema causato da malattia, menomazioni, o altre condizioni di salute, che necessitano di assistenza di tipo sanitaria e dove persiste il paradigma per cui minore è la “menomazione” (es. ritardo mentale lieve, problema fisico lieve), minore è “il problema” e di conseguenza minore è il bisogno con tutto ciò che ne consegue. Occorre, invece, ribadire che la disabilità non è una malattia ma una condizione che va affrontata anche in relazione alle possibilità di interazione sociale. Pertanto, occorre focalizzare l’attenzione sull’importanza dei contesti in cui le persone vivono quotidianamente e come migliorarli.
  • Molto da fare c’è anche in tema di “inclusione” che non vuol dire solo attivazione di sempre nuovi servizi e “contenitori” ma implica necessariamente un lavoro culturale che deve essere promosso con efficacia, partendo dalla formazione dei giovani, con l’aiuto di tutto il terzo settore, in particolare associazioni di categoria, Onlus e cooperative sociali che hanno nel loro statuto, la promozione della cultura della solidarietà e capace di incentivare l’ascolto dei bisogni e il coinvolgimento dei diretti interessati, attraverso l’attivazione di appositi strumenti come quello dell’“osservatorio” e degli “sportelli informativi e di ascolto” finalizzati al coinvolgimento di tutte le parti coinvolte.

Sono questi tutti temi che fanno parte del programma dalla lista Vola Senigallia.

Susanna Vecchioni, Francesca Pongetti, Stefania Pagani e Gabriele Landi per Vola Senigallia





Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 16-09-2020 alle 17:45 sul giornale del 17 settembre 2020 - 373 letture