statistiche accessi

Pina Massi: "Meglio matti che rassegnati: perché alle regionali voto Roberto Mancini"

2' di lettura Senigallia 12/09/2020 - Sono Pina Massi, medico a Senigallia. Ho maturato nella vita tante esperienze politiche, dentro e fuori le istituzioni, sempre nel campo della sinistra per la cui unità mi sono sempre spesa.

Questa volta per le elezioni regionali aderisco a Dipende da noi e voto Roberto Mancini. Questo centro sinistra non mi rappresenta più e con tanti altri compagni di strada condivido sentimenti di sfiducia e delusione verso chi, il Pd in primis, ha cessato di essere quella forza di cambiamento che mi aspettavo.

Ancora una volta sono prevalse le logiche di potere nella scelta del candidato governatore, la continuità con la brutta gestione della Regione in questi anni dettata da logiche liberiste e privatistiche. Non si è avuto rispetto per tante realtà, gruppi e associazioni, singole persone, inascoltate, che si sono spese per una sanità pubblica, per la diffusione nel territorio di servizi uniformemente garantiti, per denunciare progetti e scelte non rispettose dell’ambiente . (Chi vuole può trovare linee di programma e motivazioni nel sito di Dipende da noi regionale).

Non ho timore di sprecare un voto "utile", le migliaia di voti per il quorum di Dipende da noi non sono sottratti, come da più parti si dice, al centro sinistra, perché sono voti che altrimenti finirebbero nel triste campo dei delusi e dei rassegnati, certamente non sommabili aritmeticamente a quelli del centro sinistra. Io spero invece che servano a far entrare Roberto Mancini in Consiglio regionale.

Mancini è l’unico ad avere una visione, un progetto chiaro su quella che dovrebbe essere una regione governata da una sinistra -sinistra- coraggiosa, fedele alle idee e alle scelte della sua tradizione storica. Mancini in Consiglio regionale avrà più forza per continuare anche dopo le elezioni a far crescere un movimento che è appena nato. Siamo matti a crederci? Forse, ma come si dice "meglio matti che rassegnati", perché la rassegnazione al meno peggio è la morte dell’anima, il sogno di una cosa nuova ciò che la fa vivere.






Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 12-09-2020 alle 15:40 sul giornale del 14 settembre 2020 - 1291 letture

In questo articolo si parla di politica, giuseppina Massi, spazio elettorale autogestito, dipende da noi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bvOK





logoEV
logoEV
logoEV