Confronto positivo fra CNA e Paolo Molinelli, candidato Sindaco per ‘Senigallia Bene Comune’ e ‘Noi Cittadini’

3' di lettura Senigallia 11/09/2020 - Il candidato di ‘Noi Cittadini’ Gianluca Giacometti, in qualità di consigliere nella “categoria carrozzieri”, ha organizzato per il pomeriggio dell’8 settembre 2020 un incontro fra Paolo Molinelli, candidato Sindaco delle Liste Civiche ‘Senigallia Bene Comune’ e ‘Noi Cittadini’ ed i rappresentanti cittadini della CNA, la ‘Confederazione Nazionale Artigianato e Piccola e Media Impresa’.

Il confronto è stato positivo e cordiale ed ha dato l’occasione a Molinelli di illustrare i punti di interesse della CNA del proprio programma per governare Senigallia, ma soprattutto di ascoltare con attenzione e reale disponibilità al dialogo le richieste e le esigenze della importante Confederazione. Burocrazia soffocante, tassazione comunale elevata, attività commerciali del centro da rivalutare e sostenere, frazioni da includere nel circuito economico cittadino e sostegno alle imprese per mercati e fiere nazionali ed internazionali, incapacità del Comune di dialogare: questi alcuni dei punti sollevati dalla CNA.

Il candidato Sindaco Paolo Molinelli, accompagnato dal candidato Consigliere Comunale Giorgio Sartini, ha evidenziato come ritenga il confronto preventivo con i Cittadini e le categorie fondamentale per fare rinascere Senigallia e le sue attività economiche ed in proposito ha assunto un impegno preciso. Un confronto scevro da pregiudizi e tendente alla ricerca della collaborazione e delle sinergie fra pubblico e privato, senza scelte “imposte dall’alto” e sovente sbagliate come avvenuto fino ad ora: quindi tavoli tecnici di lavoro congiunti ed “Assessorati aperti” per avere un Comune “cabina di regia” e non più “nemico burocratico”, ma finalmente “partner”.

Quindi abbattimento della TARI del 25% al fine di fermare “la fuga” delle aziende in altri comuni (è sostenibile a livello economico già dal primo anno di legislatura), con progressivo passaggio da tassa a tariffa; predisizione di un ‘Piano Turistico Integrato’ per fare lavorare in sinergia ‘Turismo-Cultura-Sport- Attività Produttive’, ambiti finora separati; il turismo da destagionalizzare e da rilanciare (sportivo, storico, enogastronomico, religioso, culturale) col necessario sostegno agli albergatori per favorire il rinnovo delle strutture ricettive; la fondamentale attenzione alle infrastrutture di sostegno (parcheggi, integrazione con le frazioni ed i centri delle vallate Misa e Nevola con filiera corta produttore-consumatore, recupero delle attività commerciali nel centro storico con mercatini rionali e nelle frazioni, accesso sopraelevato al porto che sta morendo anche per i fondali troppo bassi, ecc.); un percorso ciclabile-turistico sugli argini del Misa con funzioni anche di guardiania, consentendo lo spostamento in sicurezza degli abitanti delle frazioni e per creare occasioni di sviluppo economico e di lavoro; rilanciare la Fiera ed infine le tante “incompiute” (Palazzo Gherardi, area ex Sacelit, Hotel Marche e Palazzetto del Turismo, ex cinema Politeama Rossini, ecc.), da rivalutare con un polo universitario, parcheggi, ‘startup factory’ per i nostri giovani, centri congressi e sale meeting, un polo museale, verde pubblico da incrementare e da curare con regolarità, parchi gioco, ecc.






Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 11-09-2020 alle 12:06 sul giornale del 12 settembre 2020 - 377 letture

In questo articolo si parla di politica, spazio elettorale autogestito, noi cittadini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bvFw