contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Incrementare le prestazioni specialistiche dopo il Covid: una mozione in Consiglio Comunale

3' di lettura
413

da I promotori


sanità
I gruppi consiliari di maggioranza hanno presentato una mazione per un "Piano di recupero delle attività specialistiche ambulatoriali ed ospedaliere sosopese a causa dell'emergenza Covid".

Il nostro Sistema Sanitario Nazionale sta attraversando il momento più difficile forse mai affrontato in precedenza, appesantito da anni di tagli al fabbisogno stimato. Secondo l’OCSE l’Italia si attesta sotto la media europea sia per la spesa sanitaria pubblica che per quella totale rispetto al Pil. Sono diminuiti i posti letto ospedalieri pubblici e convenzionati, i medici del servizio pubblico, gli infermieri e tutto il personale di supporto sanitario, tecnico e amministrativo. Non è stata potenziata l’assistenza sanitaria territoriale che doveva giustificare tali riduzioni di spesa e consentire di assistere al proprio domicilio una popolazione sempre più anziana e affetta da patologie croniche. Nonostante tutto, il Servizio Sanitario Italiano è considerato di eccellenza sia perché garantisce a tutti cura e assistenza che per la preparazione di tutto il personale sanitario. Ma il sistema di gestione di spazi e tempi, indotto dalla pandemia Covid, sta rendendo sempre più difficile la presa in carico di tutti gli utenti.

Premesso che
- L’ASUR Marche, in ottemperanza alle disposizioni del governo nazionale, al fine di ridurre la mobilità delle persone, durante la Fase 1 e 2 dell’emergenza Covid ha garantito l’effettuazione solo delle visite specialistiche urgenti e a breve, rinviando a tempi successivi quelle differibili e programmabili sia ambulatoriali che ospedaliere
- Le strutture ospedaliere sede di assistenza Covid, per le stesse disposizioni, hanno garantito solo ricoveri e prestazioni urgenti
- Le nuove procedure, atte a favorire il distanziamento temporale tra pazienti, prevedono tempi di visita e di sanificazione ambientale che consentono solo l’esecuzione della metà delle visite e prestazioni specialistiche già programmate, con un incremento delle liste di attesa insostenibile.

Considerato che
al fine di garantire a tutti i cittadini il diritto alla salute anche nella emergenza dovuta alla pandemia:
- è urgente la rimodulazione delle priorità delle prestazioni sanitarie precedentemente rinviate nei mesi di marzo, aprile e maggio e nello stesso tempo programmare la nuova attività con i nuovi tempi,
- è indifferibile il ripristino della piena attività di ricovero e cura dei reparti ospedalieri, tenendo conto dei ricoveri precedentemente rinviati
- è evidente che, oltre alla appropriatezza delle richieste per consulenze e prestazioni specialistiche da parte dei medici di medicina generale, è indispensabile un potenziamento di tutto il personale tecnico e sanitario ambulatoriale ed ospedaliero per dare risposte adeguate alle nuove necessità e prioritariamente per evitare che il Pronto Soccorso diventi il punto di accesso improprio per l’assistenza sanitarie non trovata altrove, con rischi altissimi per la ripresa della pandemia.

Il Consiglio Comunale di Senigallia:
- in considerazione che il decreto “Rilancio” prevede 3,250 miliardi di euro per la sanità pubblica, di cui 1,500 per la ospedalità pubblica e il resto per l’assistenza sul territorio, cioè più di quanto sia stato stanziato dalle ultime 3 finanziarie, invita formalmente la Giunta regionale delle Marche, l’ASUR e l’Area Vasta 2, in considerazione della emergenza sanitaria generalizzata indotta dalla pandemia Covid, a riprogrammare il fabbisogno di attività specialistica ambulatoriale territoriale oltre alla copertura degli organici ospedalieri, da tempo gravemente carenti. Tali scelte sono inderogabili per garantire il diritto alla salute messo a dura prova da liste di attesa che incrinano la fiducia tra istituzioni pubbliche e cittadini.

Luana Pedroni PD Senigallia
Mauro Gregorini MDP – Art.1 Senigallia
Vilma Profili Obiettivo Comune
Adriano Brucchini Vivi Senigallia
Nausicaa Fileri Diritti al Futuro



sanità

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2020 alle 17:42 sul giornale del 30 luglio 2020 - 413 letture