contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

Montemarciano: addio a Caterina Benedetti, aveva compiuto 100 anni durante il Covid

1' di lettura
796

di Giulia Mancinelli
senigallia@vivere.it


Montemarciano dice addio a Caterina Benedetti. E' morta, pochi mesi dopo aver superato il traguardo dei cento anni.

Caterina Benedetti era nata a Roma il 30 aprile del 1920. Durante gli anni del fascismo, si trasferì non ancora ventenne con la sua famiglia a Montemarciano, città natale dei suoi genitori, dove conobbe Claudio Torbidoni, che sposò il 4 gennaio del 1945, subito dopo il passaggio del fronte nel comune, come lei stessa amava ricordare. Una cerimonia avvenuta all'alba, alle 6,30, alla sola presenza del sacerdote e dei testimoni “per non dare nell'occhio ai soldati”.

La vita di Nonna Rina è stata segnata dal grande amore familiare; per tanti anni ha collaborato con il marito, scomparso nel 1995 pochi giorni dopo le Nozze d’oro, nella conduzione della sua storica tipografia montemarcianese (chiusa nel 1985) coniugando l’attività casalinga con quella di mamma prima e nonna poi. Il 30 aprile scorso, in piena emergenza Covid, il compleanno di Caterina Benedetti era stato un segnale di grande speranza per tutta Montemarcianese. L'intera comunità l'aveva festeggiata a distanza, con gli auguri del sindaco Damiano Bartozzi e con il messaggio che Caterina aveva scritto: “Il segreto per arrivare a 100 anni? Parlare poco e affrontare disagi e dolori della vita con molta pazienza e accettazione”.

Con tanta commozione sabato la stessa comunità e la figlia Beatrice e la nipote Marta hanno dato l'ultimo saluto a Caterina, nella Chiesa di San Pietro Apostolo alle 15,30.



Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2020 alle 10:10 sul giornale del 27 luglio 2020 - 796 letture