contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Al reparto di Oculistica un nuovo macchinario donato dal Lions Club

1' di lettura
2265

di Sara Santini
senigallia@vivere.it


Un macchinario per la diagnosi del glaucoma è stato donato, grazie alla generosità del Lions Club di Senigallia, all'ospedale cittadino.

Un macchinario che fino ad oggi era in comodato d'uso e che ora è stato acquistato permettendo una diagnosi precoce della malattia che colpisce circa l'1-2% della popolazione mondiale.

"Grazie al Lions Club che con la sua generosità permette all'ospedale di completare una dotazione importante - afferma Maurizio Memè vicesindaco di Senigallia- come sempre, soprattutto in caso di ncessità, la città si dimostra solidale e i service e associazioni rispondono alle richieste".

"Grazie a tutti i soci - ci tiene a sottolineare il Presidente Daniele Forotti - questo dono consolida i rapporti tra il service e la città".

"Si tratta di un macchinario che misura la pressione della occhio - spiega il Primario dell'Unità Operativa di Oculistica dell'Ospedale di Senigallia, il dottor Sefano Lippera - il paziente non si accorge dell'alterazione della vista, ma la terapia, unita una la diagnosi precoce di glaucoma, possono evitare il rischio di perdita della vista".

Un ospedale che in piena forma, Aaggiunge il dottor Giovanni Guidi, Direttore dell'Area Vasta 2: "Nei reparti di Anestesia e Chirurgia arriveranno presto nuovi primari, proprio come in Medicina - spiega - arriverà dunque altro personale qualificato che porta professionalità e competenza all'ospedale di Senigallia. E' stato inoltre presentato un progetto alla Regione per rimodulazione del blocco del Pronto Soccorso e della Sala Operatoria di 4 milioni di euro. L'ospedale di Senigallia non chiude, anzi viene potenziato con nuove strutture e personale. Per questa estate la Guardia Turistica affianca il Pronto Soccorso e le Usca gestiranno le chiamate degli alberghi per le visite domiciliari, un servizio unico in tutta la Regione".





Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2020 alle 14:34 sul giornale del 25 luglio 2020 - 2265 letture