contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
Spazio elettorale autogestito

Campanile: "Senigallia città amica degli animali"

4' di lettura
913

da Gennaro Campanile
candidato sindaco "AmoSenigallia"


“La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali”. Fra i tanti proverbi e modi di dire che apprendiamo a scuola o dai nostri genitori, c’è una frase di Gandhi che ormai fa parte del vocabolario di chi si impegna per diffondere il rispetto e il benessere anche dei nostri cari amici a quattro zampe.

Sono tante le iniziative e i progetti che una città come Senigallia che vuole essere moderna e all’avanguardia può mettere in campo. Pensiamo al canile sanitario e alla creazione di un rifugio per i volontari che già attivamente sono impegnati nella cura e nell’assistenza degli animali abbandonati . Proprio per il crescente numero purtroppo dell’abbandono degli animali domestici, una piaga che ogni anno soprattutto d’estate diventa evidente in specie nelle città, serve approvare una c onvenzione con i veterinari per l a gestione delle urgenze . In questo momento non c’è da parte di Asur un servizio adeguato alle richieste .

Vogliamo inoltre predisporre un gattile sanitario per ospitare e recuperare i tanti randagi che vengono lasciati in strada da padroni senza scrupoli. E’ fondamentale dunque avere un rapporto di fiducia con i volontari per una gestione sempre più adeguata e ottimale dal punto di vista dei moderni standards di assistenza igienico e veterinaria. Un punto importante del nostro programma della Senigallia del domani è incentivare il parco fluviale con la promozione di una fattoria didattica e per la riqualificazione dell’area circostante la struttura Rifugio (ex canile sanitario). La tutela degli animali si ottiene creando inoltre zone attrezzate per eventi e manifestazioni a tema aperti alla cittadinanza e agli operatori del settore (aree agility e pic nic per famiglie). Senigallia deve puntare su percorsi ed eventi faunistici come il birdwatching, contribuendo alla tutela degli ambienti fluviali e della fauna. Una città che vuole essere capofila della tutela degli amici a quattro zampe, non può non dotarsi di un regolamento comunale per il benessere degli animali, se vogliamo essere concretamente e davvero “Animal Friendly” sempre e nei fatti.

Così come crediamo che un passo ulteriore si possa fare individuando un’apposita figura come il Garante degli animali. Un ruolo istituzionale necessario per verificare eventuali casi di maltrattamenti e risolvere le criticità per quanto riguarda la vita dei cani, dei gatti e degli animali da cortile in genere, sulla base delle segnalazioni provenienti dalla cittadinanza tramite singoli oppure associati. Tra i compiti del garante ci sarà la possibilità di procedere per vie legali qualora lo ritenga necessario, promuovere progetti e campagne di sensibilizzazione cittadine contro il fenomeno del randagismo e a sostegno delle adozioni attive. Il Garante sostiene la tutela e il benessere degli animali come da regolamento stipulato tra il Comune di Senigallia con gli enti e le associazioni. La Senigallia che ama gli animali ha bisogno di nuove aree sgambatoio attrezzate e di fontane con abbeveratoi da posizionare nell’intero territorio comunale. Da questo punto di vista va potenziato il servizio ciotole. Crediamo inoltre in una Senigallia “Circo free”.

La vocazione di una città “ pet friendly ” - sulla scia di molte altre realtà comunali italiane - impone una scelta etica per la cura e il rispetto di ogni genere di animale , d ’ affezione , domestici e agricoli . Un concetto che va allarga to prestando la massima attenzione alle attività delle strutture itineranti che propongono spettacoli così come le fiere . N el territorio comunale verranno consentite solamente manifestazioni circensi (o di spettacoli in genere) senza animali, vietando l'uso degli spazi comuni come ad esempio il parcheggio di Villa Torlonia. Per la prevenzione dei maltrattamenti contro gli animali serve un impiego esteso e convenzionato con le guardie zoofile. Giusto cercare di raggiungere un accordo con l’Oipa per poter garantire la maggior tutela possibile e nel contempo assicurare il rispetto e la cura del decoro urbano. Infine, bisognerà procedere con un incremento dei servizi per i cittadini che possiedono animali d’affezione. Attraverso una carta di fedeltà (verificando possibilità di agevolazioni sulla base dell’Isee) che metta le famiglie nelle condizioni di accedere ai negozi e alle strutture di benessere per gli animali, soprattutto se adottati in zona.

Per i nostri amici animali ci piacerebbe poter mettere a disposizione un’ambulanza veterinaria, già presente in realtà a noi vicine come ad Ancona, attivata dalla Croce Gialla nel 2018. Le spiagge e le strutture ricettive saranno incentivate all’accoglienza degli animali.



Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 23-07-2020 alle 15:06 sul giornale del 24 luglio 2020 - 913 letture