Civitanova: "Un regalo di Ciarapica a un suo sponsor", Corvatta gira il coltello nelle piaga International Motor Days

3' di lettura Senigallia 04/07/2020 - «Uno scandalo nello scandalo». Non va tanto per il sottile il gruppo Futuro in Comune nel puntare il dito contro l’operazione International Motor Days, che sta turbando e non poco la navigazione dell’amministrazione Ciarapica.

Il gruppo guidato dall’ex sindaco Tommaso Corvatta sottolinea la scarsa chiarezza nei rapporti tra il sindaco Fabrizio Ciarapica e Danilo Zampaloni, patron dell’evento motoristico che dovrebbe (il condizionale ora è d’obbligo) tenersi il 18, 19 e 20 settembre prossimi e che si è visto recapitare gli ormai famigerati 100 mila euro. «Perché Ciarapica insiste a ingarbugliarsi sempre di più per un evento che ha la palese contrarietà anche di una buona parte della sua maggioranza? – si chiede Corvatta, affiancato da Nicola Lelli e dal resto del gruppo di Futuro in Comune – sarà mica perché Zampaloni è persona molto vicina al sindaco, tanto che era tra gli imprenditori presenti alla cena dello scorso gennaio a Villa Gigli a Loreto per sponsorizzare la candidatura per le regionali di Ciarapica? Non è bastato il caso Popsophia a far capire a questa amministrazione che affittare l’evento di qualcun altro è un rischio. Affidano l’organizzazione di un evento peraltro poco funzionale al rilancio della città, essendo stato spostato alla fine della stagione estiva, a un sodale del sindaco, continuando con una gestione del potere che va incontro ad amici e parenti vari».

Che frizioni sulla questione ci siano anche in maggioranza non è certo un mistero. Venerdì mattina era attesa la conferenza stampa di presentazione dell’evento, che però è stata cancellata giusto giovedì sera. Ufficialmente per sopraggiunti impegni del sindaco, ma i maligni sostengono che sia la conseguenza della feroce fronda interna alla maggioranza, che in una grossa porzione (su tutti Fratelli d’Italia, gli indipendenti e pure la “pasionaria” Monia Rossi) dice no ai 100 mila euro da destinare a un’organizzazione, la Ztl Racing Events, nata nel 2017 proprio per organizzare gli International Motor Days (all’epoca a Porto Sant’Elpidio, la città di Danilo Zampaloni) che mostra qualche lato non molto chiaro. Futuro in Comune ha provato a dissipare qualche nube con una visura camerale, scoprendo che Zampaloni è sì amministratore unico dell’impresa (che non naviga nell'oro), ma che questa è controllata al 51% dalla Sun Green SA, società anonima con sede in Svizzera. «La questione International Motor Days è particolarmente vergognosa perché la maggior parte dei fondi vengono dal rimborso per aver ospitato il Covid Hospital – continua Corvatta – ma politicamente denota l’assoluta mancanza di organizzazione generale di questa amministrazione e l’assenza di qualsiasi forma di condivisione interna. Ogni giorno che passa si dimostrano una maggiore approssimazione e una completa mancanza di moralità».

In ogni caso, la questione dovrà passare per forza di cose in giunta prima e in consiglio comunale poi, perché andrà approvata la variazione di bilancio con la quale destinare i 100 mila euro all’evento motoristico in programma nell’area antistante lo stadio. Per la piega che hanno preso le cose, i due passaggi sembrano tutto fuorché scontati.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un articolo pubblicato il 04-07-2020 alle 14:32 sul giornale del 06 luglio 2020 - 262 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpP3





logoEV
logoEV