Ancora vandali in azione sulla spiaggia: danneggiati ombrelloni e lettini. Confartigianato, "Servono le guardie civiche"

1' di lettura Senigallia 31/05/2020 - Ancora un week end caratterrizato dagli eccessi e per il secondo fine settimana consecutivo la spiaggia è preda dei vandali. Stavolta nel mirino dei balordi sono finite le attrezzature da spiaggia di due stabilimenti balneari.

AI bagni 70-71 e ai bangi 50, sul lungomare Alighieri, sono stati divelti e danneggiati lettini e ombrelloni. "E' ora di far rispettare l'ordinanza che vieta l'accesso in spiaggia dalla mezzanotte alle 6, èp il caso di farla rispettare -sbotta Giacomo Cicconi Massi di Oasi Confartigianato-. È ora di cominciare ad elevare sanzioni. Non si può fare la caccia al runner di turno che durante la quarantena correva lungo la battigia e poi continuare a fare finta di niente rispetto a queste incursioni vandaliche che si ripetono regolarmente ad ogni fine settimana. Oggi è stata la volta dei Bagni 70-71 e dei Bagni n 50 ma la prossima volta toccherà a qualcun altro. Non va bene. Le regole non possono esistere solo per le imprese ma devono valere per tutti".

Oasi Confartigianato lancia l'ipotesi delle guardie civiche. "Le imprese balneari non hanno alcuna possibilità di difesa -aggiunge Cicconi Massi- i cancelli non si possono mettere e di fatto i gestori degli stabilimenti balneari sono lasciati soli e senza strumenti per combattere l'inciviltà delle persone. Dobbiamo aiutarli. Utilizziamo le guardie civiche per presidiare l'arenile e soprattutto diamo un segnale che la legge è uguale per tutti".






Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2020 alle 21:21 sul giornale del 01 giugno 2020 - 2617 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmRU





logoEV
logoEV