Buoni spesa: dopo la denuncia di Paradisi, stop alla procedura del supermarket che violava la privacy

roberto paradisi 2' di lettura Senigallia 28/05/2020 - Il supermarket di Senigallia che tratteneva illecitamente le fotocopie dei documenti di identità dei clienti che presentavano il buono spesa comunale alimentare per emergenza Covid 19 riconsegnerà tutte le copie trattenute in busta chiusa al dirigente dei Servizi Sociali dell’Unione dei Comuni.

Lo ha comunicato con tempestività proprio il dirigente dott. Maurizio Mandolini al consigliere comunale Roberto Paradisi che aveva sollevato il caso, non senza polemica, nel corso dell’ultimo consiglio comunale. Il consigliere Paradisi aveva denunciato la violazione della privacy e l’illecito trattamento di dati personali e sensibili del punto vendita senigalliese di una nota catena di cui il rappresentante di Unione Civica non aveva fatto il nome (comunicandolo riservatamente al dirigente dei Servizi sociali).

Immediata la segnalazione della pubblica amministrazione e altrettanto solerte la risposta della direzione nazionale della catena interessata che ha intimato al punto di vendita anche di interrompere la procedura di riproduzione dei documenti di identità.

“Dopo le segnalazioni di alcuni cittadini, indispettiti da una simile palese e grave violazione delle norme sulle privacy - afferma -il consigliere comunale di Unione Civica, Roberto Paradisi - ho ritenuto necessario affrontare una simile questione nella sede istituzionale consiliare denunciando pubblicamente lo spiacevole caso e interessando immediatamente i Servizi sociali che mai avevano disposto o consigliato una simile procedura.

Peraltro i cassieri avevano la consegna di non accettare buoni spesa in caso di legittimo rifiuto a consegnare la carta di identità. Un autentico sopruso inaccettabile e finanche lesivo della dignità di chi si recava a fare spesa. Nessun punto vendita ha il diritto di trattenere documenti o archiviare dati personali (peraltro sensibili) dei cittadini che hanno peraltro il diritto non solo di presentare reclamo al garante della privacy ma anche quello di chiedere la immediata cancellazione di ogni dato personale illecitamente trattenuto”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-05-2020 alle 18:51 sul giornale del 29 maggio 2020 - 1511 letture

In questo articolo si parla di attualità, Unione Civica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmGW





logoEV
logoEV