statistiche accessi

x

Una mamma in ospedale: "Hanno sbagliato l'appuntamento e mi sono ritrovata con mio figlio nei reparti Covid"

ospedale di senigallia 2' di lettura Senigallia 28/04/2020 - Sabato 25 aprile, inseguito a una caduta, ho accompagnato mio figlio al pronto soccorso. Una volta medicata la ferita ci viene fissato un appuntamento di controllo, per il lunedì successivo, quindi lunedì 27.

In quel momento ho ricevuto dall'infermiera le prime indicazioni (SCORRETTE, ma questo lo avrei scoperto solo inseguito) su dove mi sarei dovuto recare il lunedì, presso gli ambulatori di otorinolaringoiatria. Lunedì mattina ricevo una telefonata dalla dottoressa, che si è occupata di noi il sabato, allo scopo di premurarsi della salute del bambino e avvisarmi che l'orario della visita sarebbe stato anticipato. Colgo allora nuovamente l'occasione per avere conferma del luogo in cui mi sarei dovuto recare, per la seconda volta mi sono state confermate le indicazioni già ricevute! Dunque lunedì io e mio figlio ci siamo ritrovati sì, all'interno dei reparti di ORL, ma con l'agghiacciante scoperta che, attualmente quegli stessi sono stati convertiti in reparti Covid!

Vi lascio immaginare lo sgomento, la tensione, la rabbia e la confusione. Ho poi ricevuto le giuste indicazioni e una volta raggiunta la corretta sede, lamento l'accaduto e il mio disappunto al medico e all'infermiera presenti al controllo; i quali altrettanto basiti ed increduli mi confermano che, oltre a diverse carenze organizzative, le porte e gli ascensori, attraverso i quali ho acceduto ai reparti adibiti a Covid, non si sarebbero mai dovuti aprire! Vorrei concludere questo racconto sfogo con alcune domande, che mi tormentano da un paio di giorni, che ho ovviamente rivolto anche al personale sanitario incontrato inseguito alla vicenda, con la speranza che siano di stimolo a un cambiamento, affinché quello che è successo a me e mio figlio non ricapiti più! E possibile che l'accesso, alle persone comuni, a questo tipo di reparti sia così "facile" inseguito a un errore o una svista? E possibile che gli operatori sanitari del pronto soccorso (che mi hanno confermato le indicazioni due volte), non sappiano che attualmente quei reparti sono adibiti al Covid?

E quindi che, gli ambulatori per le visite sono stati spostati in un'altra struttura all'interno dell'ospedale? Avrei fatto volentieri a meno di recarmi per due volte all’ospedale, ma per la salute di mio figlio ci sono dovuto andare, rispettando le regole imposte: mascherine, guanti, gel disinfettante e distanziamento dalle altre persone! Nonostante ciò, ci siamo messi in pericolo, mio figlio ed io, nel posto che dovrebbe tutelare la salute ed accogliere la cittadinanza che ne ha bisogno, anche in questi momenti difficili. Così evidentemente non è!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-04-2020 alle 17:03 sul giornale del 29 aprile 2020 - 9724 letture

In questo articolo si parla di attualità, un lettore di Vs, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bkvy





logoEV
logoEV
logoEV