contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

L’Associazione Misa per Senigallia distribuisce generi di prima necessità alle persone in difficoltà

2' di lettura
460

da Organizzatori


Spesa a domicilio
In questo difficile momento dettato dall’emergenza coronavirus, con il lavoro e tutte le attività ferme, non poche sono le persone e le famiglie che iniziano a trovarsi in difficoltà economica. Anziani soli, disoccupati o dipendenti senza stipendio sono i primi a vedere svanire le certezze che sino ad ora garantivano una vita dignitosa.

Ma per fortuna in questi momenti molte sono le persone che o con aiuti diretti o con raccolte di beni di prima necessità hanno deciso di aiutare chi si trova in difficoltà. Diverse le iniziative spontanee come le spese sospese o le azioni di buon vicinato. Tra queste un gruppo di amici riunito sotto il nome “Misa per Senigallia” ha deciso di aiutare i meno fortunati. In poco tempo è stata fatta una raccolta interna di beni di prima necessità, in particolare generi alimentari, che grazie ad un capillare passaparola ha già dato sollievo a tanti.

Nei primi giorni sono state già raggiunte oltre 30 famiglie che sono andate direttamente al punto di raccolta di via Corvi 19, quartiere Cesanella, presso i locali di Altema, scuola di formazione. Un dato che ha destato parecchia preoccupazione è la giovane età media di chi ha chiesto aiuto: circa 40 anni. Altre famiglie invece hanno ricevuto i gli aiuti ,direttamente presso il proprio domicilio, in particolare a chi ha difficoltà ad uscire. Il gruppo ha anche deciso di valutare la possibilità di poter contribuire al pagamento di bollette. L’attività di raccolta e distribuzione è stata messa a conoscenza anche di altre associazioni, gruppi o parrocchie in modo da essere in rete e non lasciare nessuno escluso. Il gruppo continuerà la raccolta fino alla fine dell’emergenza, contribuendo così al sollievo di quelle persone meno fortunate.

da Associazione Misa per Senigallia



Spesa a domicilio

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2020 alle 17:12 sul giornale del 14 aprile 2020 - 460 letture