Come rinnovare la cessione del quinto dello stipendio

5' di lettura Senigallia 14/04/2020 - C’è una forma di prestito particolarmente apprezzata sia da chi chiede il prestito che da chi lo deve erogare. Ti sembra strano? Si tratta della cessione del quinto. Prima di spiegarti come rinnovarla, facciamo un breve riepilogo su questa forma di finanziamento che sta avendo molto successo negli ultimi tempi.

Che cos’è la cessione del quinto

La cessione del quinto è una forma di prestito in cui la rata corrisponde esattamente al 20% dello stipendio mensile. Proprio per questa sua particolare forma, prima di chiederlo è necessario rispettare alcuni requisiti fondamentali:

  • Essere contrattualizzato a tempo indeterminato;

  • Preferibilmente, essere un dipendente della Pubblica Amministrazione. A dispetto del privato, infatti, lavorare nel pubblico vuol dire avere il cosiddetto ‘posto fisso’, dove è molto difficile licenziare;

  • Essere un pensionato (non con la minima);

  • Non essere troppo avanti con l’età. Infatti, generalmente, non si concede questo tipo di prestiti a persone che hanno più di 75 anni, salvo la firma di una clausola assicurativa.

Ora, avute queste informazioni, passiamo allo step successivo.

Quando è possibile chiedere il rinnovo della cessione del quinto

Se il tuo finanziamento è stato fatto con la sempre più comune modalità cessione del quinto, è importante sapere che hai la possibilità di chiedere un rimborso se hai rinnovato da poco il prestito. Prima di conoscere quando è possibile chiedere il rinnovo della cessione del quinto, vediamo prima che cos’è. Certo, in un mercato sempre più flessibile, la platea dei beneficiari di questa forma di prestito si assottiglia sempre di più ma, chi può, è bene che possa farci un pensierino, qualora avesse bisogno di un prestito.

Il rinnovo della cessione del quinto è quanto si estingue l’importo che si doveva ancora saldare in un’unica soluzione per poter poi farne un altro, pur nel rispetto del D.P.R. 5 gennaio 1950 n. 180. Ci sono, però, alcuni requisiti da rispettare che, ora, ti elenchiamo:

  • Bisogna aver pagato almeno il 40% del saldo. Non inteso come quantità, ma come rate finali. Ad esempio, se hai una cessione del quinto di 100 mesi, puoi attivarti solo dopo che siano trascorsi 40 mesi;

  • Se, però, il contratto di cessione del quinto dura solo 5 anni, quindi 60 mesi, potrai derogare a questa regola e, quindi, non aspettare il 40% del saldo soltanto se dopo firmare un rinnovo che duri almeno 120 mesi.

  • La richiesta può essere fatta anche un po’ di tempo prima. Ad esempio, puoi chiedere il rinnovo della cessione del quinto anche 120 giorni prima di quando possa partire, in modo da prepararti con la liquidità necessaria.

  • Puoi chiedere un anticipo sul saldo finale anche prima dei famigerati 2/5 che devono trascorrere.

  • Le sopra citate regole valgono per tutti coloro che hanno attivato la cessione del quinto, indipendentemente che siano lavoratori pubblici o privati.

Adesso passiamo all’ultimo paragrafo. Quelle della situazione che avverrà dopo aver chiesto il rinnovo della cessione del quinto.

Cosa succede in caso di rinnovo della cessione del quinto

Il rinnovo della cessione del quinto porta con sé dei vantaggi notevoli. Eccone alcuni:

  • La finanziaria deve saldare l’erogato del vecchio con il nuovo e, quindi, la differenza verrà scontata nella nuova.

  • Risultando un buon pagatore, magari gli interessi sul rinnovo saranno minori rispetto a quelli stabiliti con la prima richiesta di prestito.

  • Ci sarà il rimborso di alcune spese che erano preventivate se ogni mese saldavi la rata come stabilito. Un esempio potrebbero essere gli interessi: i costi della durata complessiva dovranno essere rimborsati in base a quanto tu salderai prima il tuo prestito.

  • Fra i costi che saranno rimborsati c’è il credito di istruttoria, le commissioni di intermediazione e tutto ciò che ne deriva.

  • Strappare condizioni migliori. Magari i tempi sono favorevoli, i tassi scendono e, quindi, in generale, puoi strappare delle condizioni migliori.

Insomma, a parte la solita trafila burocratica tutta italiana, il rinnovo della cessione del quinto è un processo relativamente semplice. Devi solo stare attento a leggere bene le carte e riuscire ad avere ciò che è un tuo diritto. Perché, oltre che tanto semplice, come ti abbiamo dimostrato, può essere anche molto conveniente.






Questo è un articolo pubblicato il 14-04-2020 alle 11:38 sul giornale del 14 aprile 2020 - 152 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjAM





logoEV
logoEV