Ancona: i carabinieri chiedono l'autocertificazione e trovano 110 grammi di cocaina. Arrestati due fratelli

Carabinieri controlli notturni 1' di lettura Senigallia 04/04/2020 - I carabinieri li fermano per i controlli relativi alle norme anti-contagio: arrestati due fratelli tunisini trovati con 110 grammi di cocaina

È successo venerdì pomeriggio alla Baraccola di Ancona. I due erano a bordo di una BMW X1 che è stata fermata per un controllo in via Albertini dai carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima. I due cittadini marocchini hanno detto ai militari di aver appena effettuato della spesa, come confermato dai generi alimentari stipati nell'auto.

Alla richiesta dei documenti e dell'autocertificazione, i due - un 46enne operaio incensurato residente a Polverigi ed un 33enne pregiudicato nullafacente residente ad Agugliano - hanno dichiarato di essere fratelli. I militari, attraverso il loro cognome, li hanno subito individuati quali possibili confratelli di un 40enne pregiudicato che il 22 febbraio scorso, era stato arrestato dai carabinieri perché trovato con 5 chilogrammi di hashish nascosti nel vano motore dell’auto.

Sono quindi scattati i controlli anche per loro: sotto il cofano della vettura è stato trovato un pacchetto contenente 110 grammi di cocaina purissima. Dai controlli effettuati in seguito presso le loro abitazioni sono stati rinvenuti alcuni grammi di hashish e oltre 21mila euro in contanti. Per entrambi è scattato l'arresto. Oltre al sequestro dello stupefacente e dei contanti, i militari hanno anche posto i sigilli sul suv e multato i due per la violazione delle norme anti-Covid.






Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2020 alle 14:04 sul giornale del 06 aprile 2020 - 2077 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti, droga, carabinieri, marco vitaloni, articolo, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bi2T





logoEV
logoEV