Montemarciano: M5S, "Candidatura a impianto di trattamento del rifiuto da spazzamento strade e arenili sì o no?"

rifiuti 3' di lettura 09/03/2020 - Nel giugno del 2014 con delibera 41 del 30 giugno il M5S di Montemarciano sottopose al Consiglio comunale una proposta di atto di indirizzo che impegnasse l' Amministrazione a una gestione del rifiuto in maniera corretta:

ottimizzare la separazione dei rifiuti ,ottenere un attenta differenziata spinta (oggi abbiamo raggiunto l'80% di raccolta), ottenere vantaggi economici nella eliminazione del trasporto del rifiuto di scarto in discarica, impegnare il Sindaco e la Giunta a intervenire presso l' ATA cui compete, la pianificazione e la gestione del servizio e tutti gli altri ,a esprimere che l'impianto o gli impianti da realizzare per il trattamento dei rifiuti secchi di scarto ,utilizzino le migliori tecnologie e escludendo la produzione di CDR, CSS, o di qualsiasi altro tipo di combustibile destinato ad incenerimento o combustione.

Tale proposta venne deliberata all'unanimità delle opposizioni e della Giunta.

Tutto ciò viene ricordato per spiegare ai cittadini che il Movimento da almeno 9 anni affronta il tema rifiuto ,differenziarlo e inserirlo in una circolarita' economica per abbattere l'inquinamento e applicare cosi la normativa -Direttiva europea 2008/98 .In pratica trasformare anche il secco-grigio in materia riutilizzabile fino al 100%. ,pertanto la proposta Ata ,fatta il 18 dicembre 2019, in sede assemblea dei comuni, di investire ,finalmente in un impianto "green"di smaltimento materiale prodotto da spazzamento da strada e arenili ,per abbattere il materiale da "incenerire"(quindi abbassare la quota di smaltimento con metologia ad alto inquinamento atmosferico),ci vede assolutamente d'accordo.

Ora il problema si fa serio: Montemarciano potrebbe essere un territorio CANDIDABILE per questo tipo di impianto? Abbiamo eseguito le necessarie conoscenze e approfondimenti tecnici sulla questione? Abbiamo informato i cittadini di questo importante passaggio? L'investimento e' a a carico Ata ,quindi ci dicono ,senza costi a nostro carico ,ma la royalty che ci viene offerta (circa 150.000,00 euro annui ),sanerà l'impegno e i tanti dubbi che ci assalgono? Considerate che il profitto strutturale di impianti simili possono raggiungere i 500.000,00 annui .Per quanto sappiamo ,certi impianti ,realizzati al chiuso ,in zone industriali ,sono comunque produttori di olezzi nauseabondi e di disagio ) Altra domanda : perche' non essere coinvolti nella tipologia del Progetto ? Conosciamo ad esempio un impianto realizzato nel Trevigiano https://www.lavitadelpopolo.it/Societa-e-Politica/Contarina-inaugurato-il-nuovo-impianto-d-avanguardia-per-la-differenziata : Consorzio Contarina che, con un investimento doppio dei costi di gestione ,che ci sono stati palesati in riunione del 5 marzo scorso, potremmo ottenere la differenziazione della plastica-vetro e carta ,sganciarci completamente dalla Rieco ,non pagare la Tari ; diventare il primo esperimento regionale di paese virtuoso e vendere magari il riciclato ottenuto ! Se dobbiamo candidarci per una impresa simile perché non controproporre un Progetto "alto"? Aggiungiamo che la differenziazione degli impianti della Contarina raggiunge il 100% dello smaltimento pulito e ,tuttora, a pieno ritmo "felice "dal 2015. Saremmo pronti a collaborare per un approfondimento tecnico con tutte le risorse umane che abbiamo maturato in tutti questi 9 anni di studi ,ricerche e valutazioni ambientali.

Per concludere: NO alla candidatura ! Allo stato attuale non possiamo avallare un progetto fumoso,un vero salto nel buio per il nostro paese. Sì a soluzioni globali e di avanguardia per la gestione del rifiuto.

Movimento 5 stelle Montemarciano
Consigliere Comunale
Edda Piergentili






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2020 alle 17:08 sul giornale del 10 marzo 2020 - 1014 letture

In questo articolo si parla di attualità, montemarciano, rifiuti, Movimento 5 Stelle, M5S, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bhnU





logoEV
logoEV